Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Lettera aperta di un tifoso del Napoli a Cristiano Ronaldo: “Hai perso una grande occasione, sei mediocre”

Posted by on Mar 7, 2019

Lettera aperta di un tifoso del Napoli a Cristiano Ronaldo: “Hai perso una grande occasione, sei mediocre”

Durissima accusa: “Non ce l’hai fatta, ti sei buttato, senza essere stato neanche sfiorato, tutti l’hanno visto e rivisto alla moviola (tranne l’arbitro)”.

Gira in queste ore sui vari social e su WhatsApp, una lettera aperta di un tifoso del Napoli a Cristiano Ronaldo, asso portoghese della Juventus: “Caro Cristiano, sono un tifoso del Napoli ma nonostante l’esito dell’ultima partita, decisamente determinato dal tuo plateale tuffo e da tutto quello che ne é conseguito, non ti scrivo per insultarti nè tanto meno per dichiararti il mio odio. Certo non mi sei mai stato molto simpatico, ti ho sempre trovato troppo vanitoso, tronfio, presuntuoso al punto di sembrare arrogante e questo, nonostante i tuoi meriti ed i tanti trofei vinti, non si concilia molto con la mia idea di Campione e per niente con i valori con cui sono stato cresciuto e che intendo trasmettere a mia figlia. Ovviamente, inutile negarlo, adesso che giochi con “quelli li” mi sei ancora meno simpatico ma ripeto, non é questo il motivo per cui ti scrivo”.

Poi il tifoso ha aggiunto: “Il fatto é che adesso, dopo la partita dell’altro giorno, oltre la poca simpatia, io provo addirittura una sorta di compassione nei tuoi riguardi. Si ho detto proprio compassione, non so come si dica in portoghese ma spero che tu lo capisca. Non é assolutamente un insulto, é quel sentimento, quasi di tenerezza, che si ha nei confronti di persone che si ritrovano in uno stato umanamente penoso a causa dei propri comportamenti. Ma come? Un comune mortale come me, prova compassione per il grande, immenso Cristiano Ronaldo? Bello, bravo, ricco, famoso, vincitore di tutti i trofei possibili ed immaginabili. Come si può avere pena di un uomo cosí? Si può nel momento in cui ci si rende conto che anche uno come te, che ha avuto tutto, che ha vinto tutto, che é stato considerato più volte uno dei piú grandi giocatori del mondo é, in realtá, solo un piccolo omuncolo, proprio come tanti altri, specchio ed ostaggio di una societá in cui conta piú l’immagine dell’anima, piú l’avere che l’essere, piú vincere che dare il massimo. Si puó avere compassione di uno come te quando ti rendi conto che avevi l’opportunitá (e chi più di te) di dimostrare di essere davvero un campione, non solo nello sport ma anche nella vita, quando ti rendi conto che avevi la possibilitá (e chi più di te) di elevarti al di sopra delle becere rivalitá da tifoseria, al di sopra delle miserie degli omuncoli qualunque che devo ricorre ad espedienti, sotterfugi ed inganni per raggiungere i loro 15 minuti di gloria, perché tu non ne hai bisogno. Allora perché ti sei abbassato a questo livello? Perché non ti sei alzato da quel prato correndo verso l’arbitro con le braccia allargate dicendo: “Tutto ok, non mi ha toccato”. Non è una cosa così assurda, io l’ho fatto tante volte e l’ho visto fare centinaia di volte, sui campetti delle scuole, dove nn ci sono gli arbi tri ed a decidere se é fallo o meno é solo la propria coscienza ma l’ho visto fare anche nei centri sportivi, nei tornei minori e qualche volta anche in serie a. É un gesto normale, a qualcuno viene quasi spontaneo, senza nessuna conseguenza ed implicazione….ma fatto da uno come te, amplificato dalla tua fama, avrebbe avuto un valore immenso, un esempio di correttezza e fair play per tutti quei bambini e ragazzi che ti seguono, che ti apprezzano, che ti ammirano e che ti vedono come un modello di vita da seguire da emulare. E tu, caro Cristiano, saresti stato più di un campione sportivo, avresti avuto qualcosa che nn potrai mai avere soltanto facendo gol e vincendo trofei, avresti avuto l’onore del rispetto, non quello mercenario dei tuoi tifosi ma quello sincero degli avversari e del mondo intero. Caro Cristiano, hai perso una grande occasione….il tuo immenso ego sarebbe potuto essere finalmente soddisfatto incondizionatamente, saresti potuto essere un vero eroe, proprio come quelli della Marvel, quelli buoni, che combattono contro il male, avresti avuto le prime pagine, non dei giornaletti sportivi o di gossip ma dei quotidiani nazionali ed internazionali. Non sto esagerando, un po’ di comunicazione me ne intendo, mi occupo di media da oltre 20 anni. Giá immagino i titoli “Ronaldo campione del mondo di fair play” oppure ” Con Ronaldo in campo nn c’é bisogno del Var”…E sono sicuro che sarebbe andata proprio cosí, perché l’umanitá e piena di persone meschine e senza morale che inseguono ed ottengono il successo con ogni mezzo, nn fanno neanche più notizia, c’é invece davvero bisogno di esempi positivi, c’é immenso bisogno di credere che ci sia ancora una speranza anche per chi, nonostante tutto, crede ancora che il bene ed il buon senso, alla fine, abbiano il sopravvento sul male e l’ipocrisia.  Ed invece no, non ce l’hai fatta, ti sei buttato, senza essere stato neanche sfiorato, tutti l’hanno visto e rivisto alla moviola (tranne l’ar itro) ti abbiamo guardato, tutti ti hanno guardato, sconcertati ed increduli, mentre ti contorcevi e piagnucolavi steso sul prato del San Paolo, come un qualsiasi altro mediocre giocatore dimostrando cosí, al mondo, di essere anche tu un comune, misero, essere umano, di quelli che hanno bisogno di ricorrere ai mezzucci ai sotterfugi, un qualsiasi omuncolo con pochi valori e senza dignità”.

fonte read:https://www.areanapoli.it/campionato/lettera-aperta-di-un-tifoso-del-napoli-a-cristiano-ronaldo-hai-perso-una-grande-occasione-sei-mediocre_316024.html

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.