Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“MORANEMÓ” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Posted by on Nov 17, 2019

“MORANEMÓ” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

N’òme ‘ncima a na spècie carrétte

passava sunènne che n’oreganétte

y strellava ogne tante “moranemó”

che vuleva rice… nen le sacce ancora mó

………………………………………………………………………………………………………………….

Paréva ch’èrene scìte tutte pazze

mane a mane che iarrìme alla piazza.

Ce stévene ciénte ciòcche re cartone

na fréga re gènte y manc’une buone.

Tutt’ammascherate na cica alla miéglie,

miése carvunare y miése babbaciéglie,

iévene pazziènne ca èra Carnevale

ruoppe diéce figlie y du guèrre mondiale,

ma ‘mmiése a tutta chéll’ammuina

nen vulava n’uove nè na ponta farina

y glie uagliune, appecciate alla mamma

putévene uardà tutte, sènza succère ranne.

Pure chésse me revè cumme a ne suonne,

ca Carnevale glie facévene glie nonne

gènte che fatiava a ne mode che ‘nse pò crére

ma quanne pazziàva, pazziàva addavvére.

Nascéva n’urchèstra che mille sunature

mille cantante y… dumila beveture

nascévene chi le sa quanta sunate

y ‘ntramiénte Carnevale èra passate…

Arrivava muorte ‘ncima a ne carrettone

c’ancora ‘mmane ne biéglie buccione,

la véduva chiagnéva ca gli’èra abbelate

isse ogne tante se facéva na surchiata

y chi n’è viste glie murtorie re Carnevale

nen sa che pò èsse glie tiatre popolare.

Ascì èra, m’arrive quanta a recurdà,

ma chélle fu… y ruoppe scurtà.

Mó se fa quasce pe devezione

na spècie re mèsa rappreséntazione

pe recurdasse Carnevale quann’èra vive

cumme pe l’utema vota ‘ntanne glie verìve.

Ca chélla vota nesciune se n’è accuorte

ma Carnevale addavvére s’èra muorte.

Raimondo Rotondi

MORANEMO’ (traduzione alla lettera)

Un uomo sopra una specie di carretto/ passava suonando con un organetto / e strillava ogni tanto “moranemó”/ che voleva dire… non lo so ancora adesso. / Pareva che fossero diventati tutti matti / mano a mano che andavamo verso la piazza./ C’erano cento teste di cartone / molta gente e neanche uno buono (serio)./ Tutti mascherati un po’ alla meglio / metà carbonai e metà babbacelli (mostri)/  se ne andavano giocando perché era Carnevale/ dopo dieci figli e due guerre mondiali,/ ma in mezzo a tutto quel bailamme/ non volava un uovo nè un pizzico di farina/ ed i bambini, tenuti per mano dalla mamma / potevano guardare tutto senza che succedessero incidenti./ Pure questo mi torna come un sogno/ che Carnevale lo facevano i nonni/ gente che lavorava in un modo che non si puó credere/ ma quando giocava, giocava per davvero. / Nasceva un’orchestra con mille suonatori / mille cantanti e… duemila bevitori/ nascevano chissà quante composizioni musicali/ e nel frattempo Carnevale era passato…/ Arrivava morto sopra un feretro/ con ancora in mano un bel bottiglione,/ la vedova piangeva perché lo aveva sepolto/ lui ogni tanto beveva un sorso/ e chi non ha visto il funerale del Carnevale/ non sa cosa può essere il teatro popolare./ Così era, arrivo appena a ricordarmi,/ ma quello fu… e poi finì. / Adesso si fa quasi per devozione / una specie di mezza rappresentazione/ per ricordare Carnevale quand’era vivo/ come per l’ultima volta allora l’ho visto./ Perché quella volta nessuno se n’è accorto/ Ma Carnevale veramente era morto.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.