Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

NUN ME TRATTÀ MALE di PUPELLA MAGGIO

Posted by on Mag 10, 2019

NUN ME TRATTÀ MALE di PUPELLA MAGGIO

Ije,
si nu juorno vecchia e stanca,
m’avvessa spurcà quanno magno,
pecchè me tremmene ‘e mmane, …
tu nun me guardà stuorto,
pienze quanti vvote te spurcave tu,
pe te mparà a magnà piccerillo mbraccia me.

Si ‘a vicchiaja;
me fà dicere sempe e stessi ccose,
tu suppuorteme nu me trattà male,
pienze quanti ssere,
t’aggio cantato a stessa ninnanna,
pe te fà addurmmì.

Si ‘e coscie me tremmano,
e nun c’a faccio a stà vicino a te a cammenà,
aspiettemi e nu sbuffà,
tu nun te scurdà,
ca ije t’aggio nmparato a cammenà,
senza maje sbuffà manco na vota.

Si mo parlo e sbaglio ‘e pparole,
tu nun ridere e me nun me fa sentere na scema,
ije pe te aggio accumminciato lettera pe lettera,
pe te mparà a parlà.

Si mo aggio bisogno e te pe m’appuià nu poco,
ncoppo a spalla pe m’arrupusà,
pienze quanti vvote t’aggio purtato mbbraccio.

E mo aiuteme sulo arrivà a fine e chesta vita,
arricurdete figliu mjo,
che tu si tutto ‘a vita mja,
e nun te scurddà maje e me,
pecchè ije,
aggio campato sulo pe te.

Pupella Maggio

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.