Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Perchè si dice: T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set. E Ciaciona?

Posted by on Gen 6, 2021

Perchè si dice: T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set. E Ciaciona?

T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set. Una frase tipica della lingua napoletana. Ma perché si dice cosi? e Ciaciona?

T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set.

T’aggia cunusciut pur a te ‘mbrellino ‘e set: E’ un detto offensivo e riferito come ombrello di seta per il sole,nato come fatto di moda ma poi diventato simbolo delle “donne di facili costumi” che erano solite  portarlo anche in mancanza di sole e di colori vivaci proprio per essere più facilmente riconoscibili ed adescare clienti.

Ciaciona

CIACIARSI..bearsi,godere della situazione , anche CIACIONA donna “giunonica” abbondantemente fornita e simpatica, allegra …chiattoncella al limite…

Anticamente era anche sciasciarsi -sciaciarsi -caciarsi l’etimo dal latino dal verbo IACERE- IACIARE-IACIA’per corruzione CIACIARE-CIACIA’ = giacere ,riposarsi……..

Francesco Pollastro

fonte

Lingua Napoletana: da dove deriva ” Tricà “

Lingua Napoletana: O Pataterno è tricariello, ma nun è scurdariello letteralmente significa: Nostro Signore anche se ha tempi lunghi non dimentica. Ma da dove nasce il termine Tricà?

O Pataterno è lungariello, ma nun è scurdariello è la versione moderna di un detto più arcaico che recitava :‘O Pataterno è tricariello, ma nun è scurdariello.
Tricà è verbo di derivazione greca (ἄπορος) e tardo latina (tricae, triculum). Il significato è avviluppare confusamente, disordinatamente, arruffare, aggrovigliare, creare indugi o noie. Nel caso specifico, ‘o Pataterno crea trame confuse o complicate, che sembrano non portare mai alla conclusione e risoluzione. Ma non dimentica e, alla lunga, tutto si sbroglia!


C’è un altro lemma napoletano che al suo interno, ben nascosto, contiene “tricà”: è il mastrillo, ovvero la trappola per topi, parola composta da mus (topo) e triculum (impedimento).


Infine, va ricordato il detto “Tricà ca vene pesante” che invita ad aspettare a prendere pento, per guadagnare di più

Gabriella Cundari

fonte

1 Comment

  1. Bello, interessante ma, per favore, rispettate, come merita l’ortografia del.Napoletano. Grazie.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.