Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Pulizia di Stato

Posted by on Ott 5, 2021

Pulizia di Stato

Quando le telecamere dei Tiggì inquadrano un po’ di sguincio Piazza del Quirinale, noterete che a sinistra c’è un altro bel edificio antico, il Palazzo della Consulta, sede della Corte Costituzionale.

Organo di garanzia costituzionale, prevista dai Padri Costituenti, che le hanno attribuito varie funzioni; tra cui, innanzitutto, quella di decidere se una legge o un provvedimento siano in contrasto con qualche articolo della Costituzione. Nel qual caso, dovrebbero essere immediatamente abrogati perché illegittimi.

Perché, chiariamolo subito con forza, a pensare o dubitare che una norma possa essere in contrasto con un articolo della Costituzione, non si uccide nessuno, come suol dirsi. E non si commette alcun reato o delitto. Anzi! È un’ipotesi prevista proprio dai Padri Costituenti; una cosa che può tranquillamente succedere e che è tante volte successa. Infatti il ricorso alla Corte Costituzionale è una procedura che tanti magistrati attivano, o hanno attivato, quando, nel corso della loro attività professionale, hanno avuto appunto tale dubbio o sospetto.

Ora, quello che se lo pensa un Magistrato è normale amministrazione, non si capisce perché se lo pensa un Vicequestore divenga motivo per essere sospeso e finire sotto processo. Perché la Dott.ssa Schilirò in sostanza ha detto questo: il Green Pass è illegittimo perché in contrasto con la Costituzione. Ha pensato una cosa che qualsiasi cittadino italiano ha il diritto costituzionale di pensare e di dire. E che anzi, quando lo pensa un Magistrato, come dicevamo, ha il dovere, e non solo il diritto, di attivarsi di conseguenza.

Certo: il palco, il pubblico, Gandhi e Gesù, la disobbedienza civile, ecc. Ma sono motivi gravi e sufficienti per rimandarla a casa, e magari in galera? O questi non sono magari il dito che si preferisce vedere, per non dover guardare alla luna della sospetta incostituzionalità?

Il fatto è che qui in Italia dopo la fase di Grillo Beppe sembra che siamo arrivati a quella di Grillo Onofrio, meglio conosciuto come il Marchese del Grillo. Il quale pretendeva che anche quando aveva torto la legge tutelasse lui perché “io so io e voi nun siete un cazzo!”

Ma il brutto è che stavolta non siamo in un film, purtroppo.

Michele Scotto di Santolo

michelescottodisantolo.wordpress.com

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.