Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

RAIMONDO ROTONDI E I BRIGANTI DI CARTORE RITIRANO IL “PREMIO HOMBRES”

Posted by on Lug 24, 2018

RAIMONDO ROTONDI E I BRIGANTI DI CARTORE RITIRANO IL “PREMIO HOMBRES”

Il “Premio Hombres Itinerante” , che nel 2018 è giunto alla XIV Edizione, nella “Sezione Speciale Hombres Territorio” ha premiato i Briganti di Cartore per la poesia scritta da Raimondo Rotondi,  attore della suddetta compagnia teatrale, “la morte re na bella……….”.

L’Ass. Id. Alta Terra di Lavoro si complimenta per l’importante premio vinto da i Briganti di Cartore ed è orgogliosa che un altro suo associato e membro del consiglio direttivo, Raimondo Rotondi, sale alla ribalta per aver scritto la bellissima poesia, in lingua madre, dedicata alla Brigantessa Insorgente Michelina Di Cesare  di seguito riportata.

LA MORTE RE NA BÈLLA ………….. 

Ra chélla futegrafia me uardava éssa,
Michelina De Cesare la bregantéssa,
fémmena bèlla, ‘ntista y ‘nnammurata
che le cioce aglie piére y bène armata.
Quanne fu ‘ntanne ce ne stévene tante
re viécchie nuostre chiamate bregante
che bregante ce fuonne chiamate
ma, strigne strigne, èrene suldate
a chélla guèrra re ne mare tiémpe fa
che cò vota se tèra ancora raccuntà.
La fémmena nostra ch’èra Michelina
se truvètte ‘mmiése a chéll’arruìna
addó gli’ome sié, Guèrra chiamate
la guèrra la féce y murètte suldate.
A éssa, cumme vulètte brutta sorte,
gli’attucchètte pure prejà la morte
‘mmane a chélla male pègge gènte
venuta ra ciénte rove a fa neciénte.
Sètt’anne re fuoche èrene passate
sètt’anne re guèrra y scuppettate,
muntagne, paura, fame y fridde
a ste munne che se facéva stritte.
Scurtava la via y le larie scurtava
glie tiémpe a traviérse se regerava.
Trènt’aûste millotteciéntesessantotte,
na mala sèra ch’èra già quasce notte,
cumme succère a ste munne triste
Giuda n’ata vota se vennètte Criste.
Caifa pazziètte na cica che Ponzie Pilate
na povera fémmena murètte turturata.
Quant’alla gènte, y loche ‘nse scappa,
quann’è ‘ntanne, capa sèmpe Barabba.
Glie juorne ruoppe, alla piazza ‘Mignane,
quatte muorte ch’èrene state crestiane
gli’ammucchianne allescì, pe mostra,
una èra Michelina De Cesare nostra
nuda ‘ntutte y accisa allescì malaménte
sènz’abbrevogna re falla veré alla gènte.
Ra ‘ntanne re tiémpe n’è passate ne mare,
ma chélla fu la morte re na bèlla………

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: