Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Sott’’o balcone di Ferdinando Russo

Posted by on Dic 18, 2020

Sott’’o balcone di Ferdinando Russo

So’ venute a sunà cierti cecate
sott’’o balcone addò t’ aspetto a te.
Tutt’’e ccanzone meje t’hanno cantate,
ma nun ce stive. Ire luntana ‘a me.

Luntana assaje, ma chesta vota overo,
senza speranza manco ‘e nu chi sa !
Luntana ‘e core, luntana ‘e penziero,
luntana ‘e sentimento e de buntà !!

E pure ‘o juorno primma eramo state
stritte, vicine ; t’’o ricuorde o no ?
E me dicive ccose appassiunate
che chistu core mio scurdà nun po’ !

E pure ‘o juorno primma eramo jute
nzieme ‘ncampagna ! T’’o rricuorde, o che ?
E mmiezo ê vase nc’eramo perdute
e tu addurave comm’a nu buchè !!

Tutto è passato ! Primmavera bella,
quanno venive e me dicive si’;
quanno m’accarezzave cu ‘a manella
e me parlave comme vulev’i’ !

Tutto è scumparzo, tutto s’è squagliato,
tutto è distrutto e stranio pe te so’,
comm’a na fronna secca addeventato
che nun se ferma maje pecchè nun po’ !

E tu si’ ‘o viento, che se nfuria e passa
senza sapè che male po’ purtà,
e sbatte, e spezza, e spàstena, e scunquassa
putenno ‘a vita ‘e n’ommo arruvinà !

Chesto m’attocca ! Quanno tu hê sentuto
che ‘o core tujo nun lle ‘mpurtava ‘e me,
hê miso ‘o muorto dint’a nu tavuto,
ll’hê ditto ‘o rrequie e nun ‘o vuò vedè !

pubblicata da

https://pulcinella291.forumfree.it/?t=75555377

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.