Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

SS. Maria di Costantinopoli e la sua casa di Felitto

Posted by on Apr 21, 2019

SS. Maria di Costantinopoli e la sua casa di Felitto

Cilento terra sacra per volontà di nostro Signore che diffuse attraverso Parmenide e Zenone la sapienza nei cuori delle genti di questa magnifica terra che a distanza di secoli accolse il Sacro Cuore di Maria di Costantinopoli costretta ad andar via dall’Oriente per colpa delle orde barbariche di Maometto II.

A Felitto decisero di innalzare la casa di Maria e accoglierla nel proprio grembo divenendo uno dei luoghi più importanti del Regno di Napoli dove si pratica il Culto di Maria di Costantinopoli e per chi vuol portare la propria devozione alla Vergine Maria non può almeno una volta nella propria vita non andare a Felitto e condividere con quella comunità il culto di SS. Maria di Costantinopoli.

Nel 2018 dall’alta Terra di Lavoro  un gruppo di persone s’è recata a Felitto per vivere il culto della Madre di Gesù  partecipando a tutti i riti sia quelli religiosi che quelli, per cosi dire, gaudenti trovando un accoglienza tipica di quelle terre dal sapore antico e sacro.

I Riti Religiosi che affondano le radici nella tradizione più antica nonostante l’inquinamento dei tempi post-moderni resistono con forza e fierezza grazie all’impegno della comunità di Felitto che, con la fede e con l’impegno, tiene vivo il Culto e l’amore per SS. Maria di Costantinopoli riuscendo, ancora oggi, a coinvolgere tutto il territorio che in massa partecipa alle cerimonie e alla feste che durano per alcuni giorni.

Spiegare il significato di tutti i rituali e impossibile se non si va a viverle in loco però bisogna segnalare l’attaccamento e l’amore che la gente di Felitto ha per la sua Madonna che coinvolge anche le persone che vanno li per la prima volta, come l’attaccamento dei tanti emigranti , ricordo sempre che con il Regno di Napoli nessuno mai era andato via mentre con l’ italia c’è stato un esodo biblico che continua ancora oggi, che grazie alle nuove tecnologie riescono a seguire con fervida partecipazione a tutte le celebrazione.

Toccante e commovente partecipare al rito della Barca portata in processione dalla “Giovane Vergine” che nonostante il peso della suddetta Barca con i suoi ori e del caldo non ha mollato, con il suo candore rappresentato dall’abito bianco che si sposava con la purezza dei preziosi donati nel corso degli anni dai fedeli in segno di umiltà e devozione.

Bellissimo vedere la giovine che commossa portava con fierezza  la sua verginità andando in processione verso la Madonna, si vedeva chiaramente la forza della ragazza che nasceva anche da chi sa di portare con se il valore della verginità indisponibile per i dogmi consumistici e materialistici del terzo millennio che hanno reso la donna un contenitore pronta ad ogni uso e consumo.

Poter descrivere il vissuto di quei giorni è praticamente impossibile l’unica cosa che possiamo fare, dopo aver ammirato le foto di Maya Tedesco, e invitarvi a vedere i tanti video di seguito riportati tra cui ci sono anche quelli de la “Controra” e  del Laboratorio “TraDanze”  venuti dall’alta Terra di Lavoro per portare in dono la propria arte e la propria cultura.

Claudio Saltarelli

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.