Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

STORIA DELLA PASTIERA IN RIMA

Posted by on Apr 13, 2019

STORIA DELLA PASTIERA IN RIMA

A Napule regnava il Borbone Ferdinando ca passava e’ jurnate coi ministri chiacchierando;

Mentr’ invece a’ mugliera, ‘Onna Teresa,

Steva sempe arraggiata. A’ faccia appesa

O’ musso luongo, nun redeva maje,

Comm’avess passate tanta guaje.

Nù bellu juorno Amelia, a’ cammeriera

Le dicette: “Maestà, chest’è a’ Pastiera.

Piace e’ femmene, all’uommene e creature:

Uova, ricotta, grano, e acqua e ciure,

‘Mpastata insieme o’ zucchero e a’ farina

Si può purtà nnanz o’Re e  a Rigina”.

Maria Teresa facett a’ faccia storta:

ma mentre mastecava, riceva: nunn’è na torta : è nu dolce che si mangia n’Paraviso!”

E le scappava pure nu sorriso.

Allora o’ Re dicette: “E che marina!

Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?

E mò c’o saccio ordino al cuoco che, a partir d’adesso, sta’ pastiera la faccia un po’ più spesso.

Nun solo a Pasqua, che altrimenti pe fà ridere a te adda passà n’at’ anno!” 

“Currite, giuvinò! Ce stà ‘a pastiera!”

E’ nu sciore ca sboccia a primmavera,

L’ inimitabile fragranza

soddisfa primm ‘o naso, e dopp’a panza.

Pasqua senza pastiera niente vale:

è comm ‘a Vigilia senz’albero ‘e Natale,

Gl’ ingrediente so’ bbuone e genuine:

ova, ricotta, zucchero e farina

e’ o ggrano ca mmiscato all’acqua e’ fiori

arricchisce e moltiplica i sapori.

‘E ttruove  a tutte parte:

e solo sull’impasto, ce vò ll’arte!

A Napule, Partenope’a Sirena,

c’a pastiera faceva pranzo e cena.

pubblicata da Gianni Morra

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.