Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“Zì Camèna” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Posted by on Nov 15, 2019

“Zì Camèna” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

‘Ncuntrive la Musa, ca ì la cunosce

ma me parètte na cica moscia:

…………………………………………….

“Zì Camè t’è succiése cò cosa?

Te vére na ‘nticchia pensiérosa.”

“Se puiesìe sò tutt’a na manèra,

l’utema lètta ‘nsacce chiù qual’èra.

Ruoppe tante che stònghe qua

ancora nen v’arrive a ‘mparà.

Ve pensate ca la puiesìa è na pazzièlla

chiéna re zucchere cumm’a na caramèlla,

ma la puiesìa è na viéstia ‘ncuastita,

tèra raspà cumme raspa la vita,

tèra tené glie fuoche c’appiccia

y a smurzaglie ‘nte rà repiccia.”

“Zì Camè, quanta vòte me ne pènte,

la puiesìa è frèsteca, nen f’a dìtte pe niènte.

Te pare ca la sié chiappata

éssa toglie y se n’è scappata,

se pure la chiéppe y la riégge strétta

trova glie viérse re fà cò caliétte,

te tiéra st’attiénte ca ‘nte le crire

ma s’avènta y se regìra.

Se na vòta t’arrèsce a manzàlla

tiéra ì lèste a recupiàlla

y cuanne mèsa mèsa la sié cupiata

sié fatte propria na bèlla suràta.

Tutta sa fatìa y sènza paià,

ma ‘nte pare ca truoppe stam’a fà ?”

scritta da Raimondo Rotondi

Zia Camèna  (Musa)  – (Traduzione alla lettera)

Incontrai la Musa, che io conosco/ ma mi sembrò un po’ abbattuta:/ “Zia Camena, ti è successo qualcosa?/ ti vedo un poco pensierosa.”/ “Queste poesie sono tutte uguali,/ l’ultima che ho letto non so più qual’era./ Dopo tanto che sono qua/ ancora non arrivo a farvelo capire./ Pensate che la poesia sia un giocattolo/ piena di zucchero come una caramella,/ ma la poesia è una belva inferocita,/ deve graffiare come graffia la vita,/ deve avere il fuoco che brucia/ e non ti da il tempo di spegnerlo.”/ “Zia Camena, quante volte me ne pento,/ la poesia è bisbetica, non t’ascolta per niente./ Ti pare di averla catturata/ mentre lei è già fuggita,/ se pure la prendi e la tieni forte/ trova il modo di fare qualche scherzo/ devi stare attento che non lo credi/ ma ti aggredisce e si ribella./ Se una volta ti riesce di ammansirla/ devi sbrigarti a ricopiarla/ e quando alla meglio l’hai copiata/ hai fatto proprio una bella sudata./ Tutta questa fatica senza essere pagati/ ma non ti pare che stiamo facendo anche troppo?”

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.