Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

CANTO DEI SANFEDISTI 1800

Posted by on Ago 25, 2019

CANTO DEI SANFEDISTI 1800

A lu suono de grancascia
viva lu popolo bascio
a lu suono de tammurielli
so’ risorte li puverielli;
a lu suono de le campane
viva viva li populane
a lu suono de viuline
morte alli Giacubbine!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia (1)
viva ‘o Rre colla famiglia.

A Sant’Erme tanta forte (2)
l’hanno fatto comm’a ricotta
a stu cornuto sbrevugnato (3)
l’hanno rnisaa mitria ‘n capa.
Maistà, chi t’ha traduto?
Chstu stommaco chi ha avuto?
E signure a cavaliere
te vulevene priggiuniere!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

Alli tridece de giugno (4)
Sant’Antonio gluriuse
a signure sti birbante
je facette o mazza tante!
So’ arrivate li francise,
aute tasse n’ci hanno mise
“libertà, egalité”
tu arruobbe a mmè
ie arruobbe a ttè!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

Li francise so’arrivate,
ci hanne bbuono carusate,
e “voilà” e “voila”;
calce ‘n culo alla libertà!
Addò è ghiunta donn’Eleonora, (5)
c’abballava ‘n copp’o tiatro?
Mo abballa miezz’o mercato (6)
n’zieme cu Mastu Donato!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

A lu ponte a Maddalena (7)
‘Onna Luisa è asciutta prena, (8)
e tre miedece cha hanno?
Nun la ponno fà sgravà!
A lu muolo senza guerra (9)
se tiraje l’albere ‘n terra,
afferraine e giacubbine
‘c facettere na mappina!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

Addò è gghiuta donn’Eleonora
c’abballava ‘n copp’o tiatro?
Mo abballa ch’e vruccole e rape
n’ha potute abballà chiù!
E’ fernuta l’eguaglianza
è fernuta la libbertà,
pe’ vuie so’ delure e panza!
Signò, iateve a cucchà!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

Passaie lu mese chiuvuso (10)
lu ventuso e l’addiruso,
a lu mese che se mete
hanno avute l’aglio arrete!
Viva Tata Maccarone (11)
ca respetta la Religgione,
Giaccubine iate a mare,
ca v’abbrucia lu panare!
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
e sona li cunsiglia
viva ‘o Rre colla famiglia.

Note

Con il brano “Canto dei Sanfedisti”, Roberto De Simone ha raggruppato le strofette che l’Armata Cristiana e Reale della Santa Fede (Sanfedisti) cantava nella sua marcia verso Napoli, ove dai lazzari si aggiunsero nuove strofette. La prima di esse (cioè “A lu suono de la grancasce”) fu fatta in Lucania, a Palazzo San Gervasio. E’ citata anche da Benedetto Croce in Canti politici del popolo napoletano.

I Sanfedisti era un movimento antigiacobino e antinapoleonico che nel 1799 ha combattuto contro la nascita della Repubblica Partenopea e per il ritorno dei Borboni. Il movimento ha coinvolto soprattutto i contadini e il popolo più poveri e, dato che combattevano per il Re e per la Fede, sono stati chiamati “Bande della Santa Fede”.

Note:

(1) In realtà la frase esatta, forse, dovrebbe essere “so’ de li cunsiglia” (sono dei Consigli)

(2) Sant’Elmo, il forte più munito di cui si erano impadroniti i giacobini. Una palla di cannone sanfedista colpi il forte e spezzò la bandiera francese inalberata

(3) Il riferimento è all’atteggiamento ambiguo tenuto dall’arcivescovo di Napoli, Zurlo, nei confronti degli occupanti francesi

(4) I sanfedisti entrarono in Napoli proprio il 13′ giugno, festa del loro Protettore Sant’Antonio da Padova, elevato al rango di Generalissimo dell’Armate napoletana, al posto di San Gennaro, ritenuto dai lazzari un “traditore” per aver fatto il miracolo (falso) sotto il dominio dello Championnet.

(5) Eleoenora Fonseca Pimentel, marchesa, giacobina fanatica e giornalista.

(6) Piazza del Mercato, il posto ove la Fonseca fu giustiziata dal boia “Mastro Donato”.

(7) I giacobini venivano portati al Ponte della Maddalena dove, quelli che i lazzari non avevano fatto fuori, venivano portati in carcere.

(8) Si tratta di Luisa Sanfelice, giustiziata perché responsabile della fucilazione dei realisti fratelli Baccher, ad opera dei giacobini.

(9) Al Molo piccolo, come al Mercato, era stato piantato l’Albero della Libertà, che fu sostituito dappertutto dalle croci piantate dai sanfedisti.

(10) Sono i mesi del Calendario repubblicano, scopiazzato da quello francese, che aveva preso il posto del calendario cristiano.

(11) E’ un affettuoso e popolaresco motto dei lazzari per indicare Re Ferdinando.

Traduzione:

E’ venuto Fra Diavolo/ ha portato i cannoncini/ per ammazzare i giacobini/Ferdinando è ancora il Re/ Al suono della grancassa/ viva il popolo basso/ al suono dei tamburelli/ son risorti i poverelli/ al suono delle campane/ viva viva i popolani/ al suono dei violini/ morte ai giacobini/ Suona suona/ suona C’armagnola/ suona i consigli/ viva il Re con la famiglia/ Sant’Elmo, così forte/ è stato fatto come una ricotta/ a quel cornuto svergognato/ gli hanno messo la mitria in testa! Maestà, chi ti ha tradito?/ Chi ha avuto lo stomaco per fare questo?/ I. signori e i cvalieri/ ti volevano prigioniero- Il tredici giugno/ Sant’Antonio glorioso/ ai signori, a questi birbanti/ gli hanno fatto un mazzo cosi/ Son venuti i francesi/ altre tasse ci hanno messo/ Libertè Egalitè/ io rubo a te, tu rubi a me/I francesi sono arrivati/ ci hanno salassato per bene/ e voilà e voilà/ calci in culo alla libertà./ Dove è andata Donna Eleonora/ che ballava in teatro/ ora balla in mezzo alla piazza del Mercato/insieme con Mastro Donato/ Sul Ponte della Maddalena/ Donna Luisa è rimasta incinta/ e tre medici, cje fanno ?/ Non rioescono a farla partorire,/ Al Molo senza guerra/ abbattemmo 1 ‘Albero a terra/ afferrammo i giacobini/ e ne facemmo uno straccio/ Dove è andata Donna Eleonora?/ che ballava nel teatro?/ Adesso balla con i torsoli e le rape/ non può più ballare/ E’ finita l’Eguaglianza/ è finita la Libertà/ per voi sono dolori di pancia/ signori, andatevene a dormire!/ Passò il mese Piovoso/ il Ventoso e l ‘Odoroso/ Nel mese quando si miete/ gli abbiamo tirato l’aglio dietro/ Viva Papà Maccherone/ che rispetta la Religione/ giacobini, andate a mare/ che vi brucia il sedere!

fonte http://www.aclorien.it/archivioalternativa/song.php?id=761

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: