Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Custodito a Gaeta lo stendardo di Lepanto

Posted by on Apr 25, 2018

Custodito a Gaeta lo stendardo di Lepanto

Ricostruiamo la storica vittoria della flotta cristiana contro quella ottomana nelle acque della città greca il 7 ottobre 1571. Ottanta galee turche affondate e 117 catturate. Sulla nave pontificia di Marcantonio Colonna sventolò il vessillo benedetto da papa Pio V donato poi al Duomo della cittadina laziale. L’ammiraglio l’aveva promesso in omaggio davanti alla statua di Sant’Erasmo, patrono dei marinai, se l’impresa navale fosse andata a buon fine. Danneggiato dai bombardamenti del 1943 è stato restaurato dalla Sovrintendenza delle belle arti.

Read More

Il Regno di Napoli vittima dell’occupazione francese

Posted by on Apr 16, 2018

Il Regno di Napoli vittima dell’occupazione francese

La storia del Regno di Napoli è stato l’argomento centrale affrontato durante le lezioni tenute da Claudio Saltarelli,presidente dell’associazione identitaria Alta Terra di Lavoro,con gli studenti del liceo classico G.Carducci di Cassino.Le coferenze,volte alla valorizzazione dell’identità culturale del napolitano,hanno suscitato particolare interesse riguardano gli avvenimenti del 1799 in Alta Terra di Lavoro: in quell’anno l’antica Neapolis fu lo scenario di uno scontro devastante contro le armate francesi.

Read More

ARTICOLI DEI RAGAZZI DELLE QUARTE DEL LICEO CLASSICO “G.CARDUCCI” CASSINO, SEMINARI STORICI 2018

Posted by on Apr 12, 2018

ARTICOLI DEI RAGAZZI DELLE QUARTE DEL LICEO CLASSICO “G.CARDUCCI” CASSINO, SEMINARI STORICI 2018

20 Gennaio 1799, i rivoluzionari francesi irrompono nel castello di Sant’Elmo e lo conquistano. In quelle stesse stanze che hanno visto la morte di numerosissimi patrioti, tre giorni dopo il Cardinale Ruffo, esponente politico dei Borbone, sottoscrisse le capitolazioni imposte dai rivoluzionari che non rispettò mai.

Read More

Napoleone-Denon, un binomio cinico e bulimico di potere

Posted by on Apr 11, 2018

Napoleone-Denon, un binomio cinico e bulimico di potere

Napoleone deluse profondamente quanti avevano creduto nelle idee di cui egli si era fatto banditore tra i popoli, mentre, in realtà, le calpestò e le distrusse mediante le prevaricazioni, gli arbitrii, gli abusi, ma soprattutto servendosi dei tribunali rivoluzionarii e dei matrimonii repubblicani: dopo averli denudati, si legavano strettamente gli uomini con le donne e, a bordo di un barcone, si portavano in mezzo alla Loira e lì scaraventati in acqua, dove annegavano fra i lazzi dei loro aguzzini, che auguravano loro felicità e figli maschi. Comportamenti, quelli dei delegati del Direttorio giacobino, che con l’alto messaggio rivoluzionario (libertà, uguaglianza e fraternità) hanno poco da spartire.

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: