Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

I Lazzari

Posted by on Dic 31, 2019

I Lazzari

Primi Martiri della Indipendenza ai quali non verrà mai dedicato un monumento nè un tributo di pietà, finquando i Meridionali non prenderanno coscienza della Loro Identità.

Le genti italiche, ma ancor peggio i Meridionali, li hanno dimenticati, uccisi come dalla mano “fratella” e traditrice giacobina.

Gli invasori francesi, quelli che furono i nemici, scrissero:

“On se bat dans toutes les rues; le terrain se dispute pied à pied; les Lazzaroni son commandé par des chefs intrépides. Les Lazzaroni, ces hommes étonnants, sont des héros.”
(Gen. Jean Antoine Étienne Vachier Championnet)

“L’action des Lazzaroni fera époque dans l’histoire.”

(Gen. Charles Auguste Jean-Baptiste Louis-Joseph Bonnamy de Bellefontaine)

Canto dei Sanfedisti

A lu suono d”a grancascia
viva lu popolo bascio,
A lu suono de tamburrielli
so’ risorte li puverielli,
A lu suono de campane
viva viva li pupulane,
A lu suono de viuline
morte alli Giacubbine.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli,
viva ‘o rre cu la Famiglia.

A sant’Eremo tanta forte
l’hanno fatto comme”a ricotta.
A ‘stu curnuto sbrevognato
l’hanno mis”a mitria ‘ncapa.
Maistà chi t’ha traduto?
chistu stommaco chi ‘ha avuto?
‘E signure e ‘e cavaliere
te vulevano priggiuniere.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli,
viva ‘o rre cu la Famiglia.

Alli tridece de giugno,
Sant’Antonio gluriuso,
‘e signure, ‘sti birbante,
‘e facettero ‘o mazzo tante.
So’ venute li Francise
l’aute tasse n’ci hanno mise,
“Liberté… Egalité…”
tu arruobbe a me io arruobbo a te.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli
viva ‘o rre cu la Famiglia.

Li francise so’ arrivate
ci hanno bbuono carusate.
“E vualà e vualà …
cavece ‘n culo alla libbertà”.
A lu ponte ‘a Matalena
‘onna Luisa è asciuta prena,
‘e tre miedece, che ba’,
nun la vonno fa’ sgravà.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli
viva ‘o rre cu la Famiglia.

A lu muolo, senza guerra,
se tiraie l’albero n’ terra,
afferraino ‘e giacubbine
‘e facettero ‘na mappina.
E’ fernuta l’eguaglianza,
è fernuta la libertà,
pe’ vuie so’ dulure ‘e panza
signò iateve a cuccà.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli
viva ‘o rre cu la Famiglia.

Passaie lu mese chiuvuso,
lu ventuso e l’addiruso,
a lu mese ca se mete
hanno avuto l’aglio arrete.
Viva Tata Maccarone
ca rispetta la religgione.
Giacubbine iate a mare
mò v’abbruciano lu panare.
Sona sona, sona Carmagnola
sona li cunsigli
viva ‘o rre cu la Famiglia
.

fonte http://lazzaronapoletano.it/category/0003/0003-0003/page/2/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.