Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

1861: stragi e morti in tutta la Sicilia nel nome santo di Garibaldi

Posted by on Ott 30, 2020

1861: stragi e morti in tutta la Sicilia nel nome santo di Garibaldi

“L’unità d’Italia, una storia di riscrivere”, è il titolo di un libro di Giancarlo Padula. Leggendo queste poche righe ci si fa un’idea di che cosa era la Sicilia un anno dopo la ‘presunta’ unificazione italiana. E ci si fa un’idea di tutte le fesserie che ci hanno raccontato fino ad oggi e, soprattutto, delle cose che ci hanno nascosto 

“A Biancavilla altre stragi, la plebe aizzata e capitanata da un certo Biondi, in pochi giorni commette ventisette omicidi…a Trecastagni, a San Filippo D’Agira, a Castiglione, a Noto, si continua a far lo stesso…l’anarchia con i furti e gli assassinii si burla del governo liberale…l’8 marzo del 1861 fu giorno di sterminio, una banda di ottanta assassini mette la città di Santa Margherita a sangue e fuoco; trentaquattro persone vi sono massacrate”. Sempre nel nome santo di Garibaldi.

Trentasei assassinati a Girgenti. “A Girgenti assaltano le prigioni del castello, strappano trentasei persone sospettate di borbonismo, le trascinano nel vescovado e le massacrarono. Questa orgia viene imitata dai cannibali dei paesi vicini e per otto giorni vi è stata una spaventevole successione di rapine e stragi. Presso Resuttano, tra Caltanissetta e Cefalù, due bande, disputandosi il bottino, lottano tre ore, lasciando undici cadaveri sul luogo del conflitto e ancora uccisioni, stragi, rapine, mafia, disordine, prepotenze, balzelli…non vi è luogo della Sicilia che non sia brutto ed infetto dal sangue e dalla decomposizione dei cadaveri…”

Giancarlo Padula L’unità d’Italia, una storia da riscrivere, Edizioni GPI, pag. 39.

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.