Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Ancora……………di Ferdinando Russo

Posted by on Set 7, 2018

Ancora……………di Ferdinando Russo

Gia torna Primmavera!!!!

A varca disperata
Dio sempe trova puorto ;
ma chistu core mio
che puorto vo’ truvà,
sbattuto ‘ncopp’a ll’onne
‘e chesta vita scura,
menato ncopp’ê scoglie
‘a tutt’’e ‘nfamità ?

A n’albero caduto
se dice : Accetta, accetta !
E tu, cchiù peggio ‘e ll’ate,
vedennome ‘e suffrì,
te spasse, te ne ride,
spietata e senza core
e già che stongo ‘nterra
m’aiute a ben murì !
**
Soffro ? Tu nun me ‘ntienne !
Chiagno ? Tu nun me cride !
Tu ride, sempe ride…
nient’ato tu ssaje fà !
E ‘o sole ce pazzèa,
mmiez’ê capille d’oro..
E ‘nsuonno, i’ me ne moro,
speruto ‘e te vasà..
**
Quant’anne so’ ? Quant’anne ?
È ‘a vita ‘e tutt’’o munno,
è ‘a storia ‘e tutt’’e tiempe
cantata sempe a te,
‘a quanno Ammore è nato,
‘a quanno aggio patuto,
‘a quanno s’è ‘mpazzuto
stu core mpietto a mme !
**
Ride ! Nc’è tiempo a chiagnere
e tu..nun ce si’ nata !
‘O cielo nun t’ha data
sta bella qualità !
Ride ! ‘E dulure passano !
Meglio è a nun tenè core !
Llassalo a mme, ‘o dulore
ca ‘o ssaccio suppurtà !
**
Guarda : già ‘e ffronne spontano..
già torna Primmavera…
Penzanno a te, stasera
e suspiranno ‘e te,
embè…nun te desidero.
Né chiante e né suspire :
guaje e penziere nire,
llassale tutte a mme !!

 

‘E ccasarelle

 

Sti ccasarelle noste fanno ‘ammore,
l’ una ‘e rimpetto all’ ata, e tutte janche.
E dint’ ‘a casa toia nce sta ‘nu core,
e dint’ ‘a casa mia dui uocchie stanche.

E stanche so’ ‘e viglià, bella Riggina,
da che tramonta ‘o sole a la matina ;
stanche, ca nun se ‘nchiudono cchiù mai,
pecché, bella, de te m’ annammurai !

M’ annammurai pecché te stive zitta,
e ricamave sola a la fenesta.
Tenive ‘na faccella afflitta afflitta,
e ‘o scialletiello niro ‘a copp’ ‘a vesta.

Io, comm’ a ‘nu pittore quanno pitta,
te pittai dint’ all’ anema, e me resta
chella faccella eternamente scritta,
cunturnata ‘e ‘na nuvola celesta…

‘Sti ccasarelle noste fanno ‘ammore,
ma, core mio, fanno ‘n’ ammore tristo !
Tu nun me guarde. Che te dice ‘o core ?
Io nun te guardo ‘a quanno t’ aggio visto…

Eppure saccio ca tu me vuo’ bene,
pecché ‘na vota… ‘O ppozzo cunfessà ?
Aizaste ll’ uocchie, e me passaino ‘e ppene…
Ah, comme guarde ! Comme sai guarda !

 

 

fonte

https://pulcinella291.forumfree.it/?t=75479549

 

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.