Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

ANTONIO COZZOLINO ALIAS “PILONE” LA NAZIONE NAPOLITANA SI RICORDA DI LUI

Posted by on Ott 24, 2020

ANTONIO COZZOLINO ALIAS “PILONE” LA NAZIONE NAPOLITANA SI RICORDA DI LUI

Domenica 18 gennaio 2020 a Via Foria a Napoli fuori al Real Orto Botanico un buon numero di insorgenti napolitani s’è radunato, grazie alla volontà di Vincenzo Gulì ed Aniello Sicignano, per ricordare l’ultimo guerriero napolitano Antonio Cozzolino alias “Pilone” che il 14 ottobre 1870 fu ammazzato dalla canaglia savoiarda ovviamente dietro un infame tradimento servitogli in un piatto d’argento da Salvatore Giordano suo vecchio compagno d’arme .

La stessa infamità che subì Domenico Fuoco un paio di mesi prima, 18 agosto 1870, da suo cugino Nicandro Bucci che lo fece catturare in una notte di fine estate dalla solita canaglia piemontese, in quel periodo era italiana ma il modus operandi era quello, ponendo così fine alla vita del guerrigliero napolitano che forse più si avvicinava a Fra Diavolo per capacità militari e attaccamento alla corona borbonica.

Con la morte di Fuoco e Pilone possiamo dire che termina ufficialmente la guerra tra gli insorgenti napolitani, sostanzialmente era terminata 3 anni prima con l’accordo di Cassino, e l’invasore savoiardo e non poteva terminare in maniera migliore perché se il nostro Buon Dio aveva deciso la scomparsa del suo Regno prediletto ci ha lasciato l’onore di vedere come protagonisti per l’atto finale due tra i migliori soldati del Re, Domenico Fuoco e Antonio Cozzolino.

Tra i presenti dell’appuntamento di domenica c’era la vecchia guardia rappresentata da Vincenzo Gulì mentre tra i membri della nuova generazione e tra i più appassionati difensori della storia della patria napolitana c’erano anche Aniello Sicignano, Alberto Petillo, Angela Cuccilato e Nicola Monacella.

Di seguito le foto e brevi video sulla giornata di domenica, si vedono anche prestazioni musicali eseguite da Benedetto Vecchio musicante brigante dell’alta Terra di Lavoro, che ci ha inviato Aniello Sicignano e per chiudere lo splendido documentario su “Pilone” realizzato da Carmine Di Somma

Claudio Saltarelli

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.