Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Giovan Battista Basile-Lo cunto de li cunti (XXIII)

Posted by on Feb 21, 2024

Giovan Battista Basile-Lo cunto de li cunti (XXIII)

TERZA IORNATA DE LI TRATTENEMIENTE DE LI PECCERILLE

Non cossì priesto foro liberate, pe la visita de lo Sole, tutte l’ombre che erano carcerate da lo tribunale de la Notte, che tornaie a lo medesemo luoco lo prencepe e la mogliere insiemme co le femmene. E, pe passare allegramente chell’ore che s’erano poste ’miezo fra la matina e l’ora de mangiare, fecero venire li vottafuoche, e commenzaro co gusto granne ad abballare, facenno Roggiero, Villanella, lo Cunto de l’Uerco, Sfessania, lo Villano vattuto, Tutto lo iuorno co chella palommella, Stordiglione, Vascio de le Ninfe, la Zingara, la Crapicciosa, la Mia chiara stella, lo Mio doce amoroso fuoco, Chella che vao cercanno, la Cianciosa e cianciosella, l’Accordamessere, Vascia ed auta, la Chiarantana co lo Spontapede, Guarda de chi me iette a ’nammorare, Rape ca t’è utile, Le nuvole che pe l’aria vanno, Lo diavolo ’n cammisa, Campare de speranza, Cagnia mano, Cascarda, Spagnioletta, chiodenno li balli co Lucia canazza, pe dare gusto a la schiava. E cossì se ne corze lo tiempo che non se ne adonaro e venne l’ora de lo mazzeco, dove venne tutto lo bene de lo cielo, che ancora magnano; e, levato le tavole, Zeza, che steva ammolata a rasulo pe contare lo cunto suio, decette de chesta manera:

Read More

Comincia la carboneria

Posted by on Feb 20, 2024

Comincia la carboneria

Passato il ciclone Napoleone, a continuarne la battaglia rivoluzionaria restano i suoi eredi: militari che hanno acquisito ricchezza e potere, borghesi arricchiti con la legale spoliazione dei beni della chiesa, cadetti delle casate nobiliari, studenti romanticamente attratti dall’ideale nazionale.

Read More

Il 13 febbraio del 1861 si decreto’ la fine del Regno delle due Sicilie

Posted by on Feb 20, 2024

Il 13 febbraio del 1861 si decreto’ la fine del Regno delle due Sicilie

Il 13 febbraio del 1861 si decreto’ la fine del Regno delle due Sicilie, a Gaeta , ultimo baluardo di resistenza, dopo novantaquattro giorni di assedio e di estenuanti bombardamenti per mano delle truppe sabaude in connivenza con i poteri forti della monarchia inglese e dei traditori della nostra Patria identificabili in alcuni corrotti soldati borbonici e latifondisti meridionali che avevano trovato maggiore convenienza nello stringere accordi con i sanguinari usurpatori italiani, eh no, non furono certo quei mille delinquenti comandati dal violento mercenario Garibaldi.

Read More