Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Carlo Pedersoli, napoletano (…altrimenti ci arrabbiamo!)

Posted by on Giu 28, 2016

Carlo Pedersoli, napoletano (…altrimenti ci arrabbiamo!)

E’ morto Bud Spencer, al secolo Carlo Pedersoli.

Atleta (partecipazione a tre olimpiadi), cantante, pilota (d’auto da corsa, di aerei ed elicotteri), attore famosissimo e tanto altro (giocatore di rugby, autore di testi di canzoni e colonne sonore, produttore televisivo, dipendente di imprese costruttrici di strade e di altre costruttrici di auto, disegnatore di moda, nuotatore da record e giocatore di pallanuoto, addetto al consolato etc etc).

Per citare le sue stesse parole, due sole cose egli non aveva mai fatto: il “ballerino d’opera” e il fantino.l

Grande uomo e grande napoletano

Ecco, appunto: napoletano.

Il GR1 delle 8.00 gli ha dedicato la copertina: buon servizio, forse, bel ricordo.

Alla fine, però, mi sono accorto che non avevano detto che era napoletano…

E questa, nei suoi confronti, è una grave mancanza.

Era nato a Napoli, infatti, nel 1929, e vi era rimasto per soli undici anni; ma dovevano essergli rimasti nel cuore; quegli anni dovevano averlo formato, “imprintato” in maniera indelebile come solo un imprinting può fare…

Si era spostato poi a Roma, in Sud America, di nuovo in Europa …

Ma Napoli doveva avere conservato un posto speciale tra tutte le città in cui aveva vissuto tanto da fargli dire, in una intervista … “Io sono napoletano prima che italiano. Napoli è Napoli, l’Italia nun se sap c’rè“.

E allora, ripensando a questo mentre ascoltavo il servizio del GR1 mi è venuta una domanda: se fosse stato un criminale (non Carlo, un altro, uno qualsiasi…), un criminale nato a Napoli, secondo voi lo avrebbero detto nel servizio che era napoletano?

Secondo me sì, caspita se lo avrebbero detto…!

Carlo non era solo un napoletano (nato a Napoli dove aveva vissuto i suoi primi anni) ma ci piace pensare che si sentisse un napolitano, un napoletano cioè, con la sua vera storia nel cuore e nella mente; un napolitano, dunque, che guarda al futuro con la consapevolezza di quel passato…).

E allora bisognava dirlo, era obbligatorio dirlo.

Ma, forse, proprio per questo non lo hanno ricordato …

Dunque, avremmo tutte le ragioni per … arrabbiarci, ma l’occasione non lo consente.

E allora?

Allora … buon viaggio Carlo e, quann’arrivi, salutace ‘o Rre.

 

Fiorentino Bevilacqua

 

 

 

1 Comment

  1. Nel suo film ANCHE GLI ANGELI MANGIANO FAGIOLI, c’è una scena in cui, davanti ad un ritratto di Garibaldi, il suo personaggio afferma: “Tutti gli americani dovrebbero avere questo ritratto del generale Custer in casa…”. Chissà se la battuta è nata per caso o meno, ma è molto sottile, sibillina: Custer – infatti – fu un massacratore di pellirosse e non fu certo un eroe, anche se lo si è voluto far passare per tale a tutti i costi. Proprio come Garibaldi, insomma…
    Qui habet aures audientes audeat!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: