Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Certe mogli:di Ferdinando Russo

Posted by on Feb 5, 2022

Certe mogli:di Ferdinando Russo

La sera fa ‘a rivista dint”e ssacche
pe vedè quanto tengo e quant’ho speso…!
Ed io sopporto pure chisti smacche
bensì che dentro me ne sento offeso…!



Metto il fracche? —E perchè ti metti il fracche!
— « Vado dal cavaliere Caropreso… »
È ‘o direttore ‘a Fraveca ‘o Ttabbacche!…
Posso non me ne dare per inteso?

Certe relazzioni, pe ssapè,
come le trascurate? Eccoci quà!…
Embè, mia moglie nun ‘o ppò vvedè!

Mi chiuse tutti abbiti, di botto!
Ed io, pe non sentirla pipità,
porto ‘o calzone arrepezzato sotto…!

Voi dite questo, caro don Achille?
E vi lagnate?… Sono rose e fiori!…
La mia me n’ha portati, dei dolori!…
E pure sono stato uno dei Mille!…

Guardate ccà!… guardateme ‘e capille!…
So’ tutti bianchi! per i dissapori!
Chi lo diceva che Francesco Allori
si sarebbe arridotto un imbecille?!

Lo credereste?… Nu garibbaldino,
uno che ha dato il sangue, e non a poco,
la moglie piglia e ‘o tratta c’ ‘o vurpino!!…

Sicchè, se comparisse, io, che a Milazzo
pe na giornata intera stetti al fuoco,
mò fuggirei addietro a nu palazzo..

fonte

Certe mogli:di Ferdinando Russo – LE POESIE DEGLI ALTRI (forumfree.it)

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.