Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Le poesie “borboniche” di Ferdinando Russo

Posted by on Giu 20, 2022

Le poesie “borboniche” di Ferdinando Russo

Ferdinando Russo (Napoli, 1866-1927) è considerato, assieme a Salvatore Di Giacomo, uno dei più poeti più attenti alla realtà popolare napoletana. Leggendo le sue poesie (ora la Newton Compton ha ripubblicato una raccolta completa in una edizione economica), l’anima popolare traspira ad ogni verso: dai sonetti “scugnizzeschi” alle volgarissime “poesie infernali” (da enfer, nel senso di settore di bibliotecario in cui sono alloggiati i libri sconci) l’autore sembra quasi farsi da parte e lasciar parlare direttamente le umili persone provenienti dagli strati più bassi della popolazione.

Read More

‘A ZÈPPOLA ‘E SAN GIUSEPPE:poesia di Ferdinando Russo

Posted by on Feb 23, 2022

‘A ZÈPPOLA ‘E SAN GIUSEPPE:poesia di Ferdinando Russo

— Don Ciccì! Qua, la vita, overamente,
è piena di amarezze! Io l’ho capito!…
Mangiateve sta zeppula vullente,
che, v’assicuro, vi alleccate il dito!

La bignè! La bignè non teme niente!
Ne vado pazzo!… Che gusto squisito!
E la capisco differentemente,
contro il parere vostro riverito…

La mangio calda! Mia moglie lo sa,
e a tutti gli anni, quann’è « San Giuseppe »,
essa a friggere sempre, io… a mangià!

Provatele!… Qua ci hanno tolto tutto!
Fanno a chi megli po’ tirarce ‘e streppe!
Che vi dicevo? Non si sente, ‘o strutto…

fonte

‘A ZÈPPOLA ‘E SAN GIUSEPPE:poesia di Ferdinando Russo – LE POESIE DEGLI ALTRI (forumfree.it)

Read More

Me voglio spartere:di Ferdinando russo

Posted by on Gen 15, 2022

Me voglio spartere:di Ferdinando russo

Prufessò, m’aggia spartere! — E perchè?
— Ciccilo me fa tanta nfamità…
— E che ti fa, sentiamo, che ti fa?
— Nu muorzo ‘e rrobba nun m’ ‘o fa vedè!

— Ma sta a spasso? — Gniernò, sta a faticà!
È tagliatore ‘e pell’ ‘e guante… — Che?!
E che guadagno fa? — Chello ched’è:
una e cinquanta, una e sissanta, va!

— E tu che fai? — Che faccio, neh signò?
Parola mia nun me ne fido cchiù!
Chillo, ‘o juorno, che ssa’ chello che vo’!

Po’ quann’è ‘a sera, ‘o vino ‘o fa ammalì!
Se retira, se cocca, e « ronfa tu! »
Facite c’aggio tuorto, signurì?!

fonte

Me voglio spartere:di Ferdinando russo – LE POESIE DEGLI ALTRI (forumfree.it)

Read More

‘A scuppettella d’oro:di Ferdinando Russo

Posted by on Gen 4, 2022

‘A scuppettella d’oro:di Ferdinando Russo

Sempe ca n’ ata vota me ‘nnammoro,
e v’ ‘o ddico cu ‘a risa e cu ‘a pazzia,
me voglio fa’ na scuppettella d’ oro
pe’ tirà sempe nfronte a nenna mia.
E tanto ‘a tiro nfronte, e tanto faccio,
anfino a quanno nun me cade mbraccio,
anfino a quanno nun me dice: – Aiuto!
È stato ‘Ammore tuio ca m’ ha feruto!

Read More