Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

da “la cantata dei Pastori”: CANZONE DI RAZZULLO con traduzione

Posted by on Mar 13, 2020

da “la cantata dei Pastori”: CANZONE DI RAZZULLO con traduzione

Quann’io nascette ninno ‘a cuorpo a mamma,
a Napule nascette muorto ‘e famma.
E muorto ‘e famma nun appena nato,
mammella mia dicette :”E’ nato un’altro sventurato”.
E arravugliato rint’a ‘na mappina me ‘nfasciaje,
e dint’a nu spurtone ‘sta nuvena me cantaie :

Nuvena, nuvena,mammella era prena
appriesso a ‘nu figlio già n’ato ne vene.
Facette ‘o primmo e nascette cecato
mò cerc’ ‘a lemmosena pe ‘mmiez’ ‘e strate.
Facette ‘o sicondo chiammato Pascale,
ca sta carcerato a Puceriale,
e aroppo ‘o cchiù bello ‘o chiammaie Gennaro,
c”abbascio ‘a Duchesca mò fa ‘o ricuttaro.
E mò pe’ cumpleto,sgravannose ‘e chisto,
ha fatto un’altro povero Cristo.
Chiagnenno appena nato int’a ‘stu lietto,
cercaie da mammélla ‘a zizza ‘mpietto.
Ma zuca che te zuca ‘stu nennillo che te pesca?
Da chella zizza ‘o latte era comma ll’acqua fresca!
Cchiù zuca ca te zuca e chillu pietto cchiù s’arrogna,
zucanno me ‘mparaie a sunare la zampogna…..-
Nuvena,nuvena,Natale mò vene
ma cu ‘sta nuvena cchiù famme me vene,
verenn”o magna’ pe’ chi tene ‘e quattrine,
verennolo sulo adderet”e vvetrine,
e allora me cocco cu tutt”e calzine
e ‘a notte me sonno ca nasce un bambino
che nasce ‘e rimpetto a ‘na bella cantina,
cu addore ‘e suffritto,cu tre litr”e vino,
n’appesa ‘e sacicce,nu bellu capone,
anguille ammescate cu lu capitone,
castagne r”o prevete,noce e nucelle,
‘nzalata ‘e rinforzo cu lu susamiello…
Ma senza renare,
‘a nott”e Natale,
me fummo ‘na pippa
e me vaco a cuccà…….

Traduzione:
Quando io nacqui bambinello dal corpo di mamma,
a Napoli nacque un morto di fame.
E morto di fame appena nato,
la mia mamma disse: “E’ nato un altro sventurato”.
Attorcigliato dentro uno straccio mi fasciò
E dentro una grande sporta questa novena mi cantò:
Novena, novena, la mamma era già incinta
Subito dopo un figlio ne arriva un altro.
Feci il primo e nacque cieco
Ora chiede l’elemosina in mezzo alla strada.
Feci il secondo, chiamato Pasquale,
che ora è in carcere a Poggioreale
e dopo il (figlio) più bello lo chiamai Gennaro
che giù alla Duchesca ora fa il ricottaro.
E adesso, per completare (il tutto), ho partorito questo,
ho fatto un altro povero Cristo.
Piangendo appena nato in mezzo a questo letto
Cercò di succhiare la mammella nel petto.
Ma succhia succhia questo bambino che ti pesca?
Da quella mammella il latte usciva come l’acqua fresca.
Più succhia e succhia, più quel petto si raggrinzisce
Succhiando imparai a suonare la zampogna.
Novena, novena Natale ora arriva
Ma con questa novena più fame mi viene
Vedendo mangiare chi ha i soldi
Vedendolo solo dietro le vetrine
E allora mi corico con tutti i calzini
E la notte sogno che nasce un bambino
che nasce di fronte a una bella cantina
con l’odore del soffritto, con tre litri di vino,
le salsicce appese, un bel cappone,
anguille mescolate col capitone,
le castagne del prete, noci e nocciole,
insalata di rinforzo con susamiello.
Ma senza denari
La notte di Natale
Mi fumo una pipa
E mi vado a coricare.

fonte https://pulcinella291.forumfree.it/?t=77400336

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.