Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Fernand Braudel (1902-1985), come vedeva Napoli

Posted by on Nov 23, 2018

Fernand Braudel (1902-1985), come vedeva Napoli

VALORIZZARE NAPOLI SAREBBE UNA FORTUNA PER L’ITALIA E PER L’EUROPA, MA L’ITALIA HA PAURA.

Ecco come vedeva Napoli uno dei più grandi storici francesi contemporanei:
Fernand Braudel (1902-1985) lo scrisse in un articolo, “Europa spazio sterminato”, per Il Corriere della sera (30/3/ 1983). Un piccolo estratto :

Napoli ha continuato a dare molto all’Italia, all’Europa e al mondo: esporta a centinaia i suoi scienziati, i suoi intellettuali, i suoi ricercatori, i suoi artisti, i suoi cineasti (…) Mentre non riceve nulla, o pochissimo, da fuori. L’Italia, secondo me, ha perso molto a non saper utilizzare, per indifferenza, ma anche per paura, le formidabili potenzialità di questa città decisamente troppo diversa: europea prima che italiana, essa ha sempre preferito il dialogo diretto con Madrid o Parigi, Londra o Vienna, sue omologhe, snobbando Firenze o Milano o Roma. (…) Questo capitale è oggi sottoutilizzato, sperperato fino ai limiti dell’esaurimento quale fortuna per tutti noi, se ora, domani, potesse essere sistematicamente mobilitato, sfruttato, valorizzato. Quale fortuna per l’Europa, ma anche e soprattutto per l’Italia. Questa fortuna, Napoli merita, più che mai, che le sia data.

segnalato da

Maria Franchini

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.