Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (III)

Posted by on Dic 13, 2019

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (III)

«FACCIO ‘A GUERRA ‘A LUNTANO»

Nove anne primma., ‘a Franca aveva fatto,
comme sapite ‘a rivoluzione;
caduto ‘o trono, deva ‘o sicond’atto
e ghieva cont”o Papa e ‘a religione.
Tutt”e State ‘e ll’Europa fanno ‘o patto
pe vencere c”a famma sta nazione,
ma ‘a Francia, a stu pericolo, se mperra
e a tutte, llà pe llà, dichiara guerra.

‘O millesettecientonuvantotto,
e ‘a Francia già faceva ‘a cumandante:
cchiù ‘e na nazione s’era miso sotto
e faceva paura a tutte quante!
‘O Papa stesso avette ‘a fa’ fagotto
e fujette preganno tutt”e Sante.
E ‘o tuscano, ‘o lumbardo, ‘o piamuntese,
avettero ‘a repubblica francese.

 Napule e Ferdinando di Borbone
erano ‘e cchiù felice ‘e copp”a terra,
ma ‘o Rre tremmava pe sta situazione,
e nu poco nzurfato ‘a ll’Inghilterra,
nu poco ll’odio pe Napulione,
dicette nfacci”a Francia: Io scengo nguerra!
Tu te pigliaste Roma? e ll’hê a pusà,
‘o Papa a ‘o Vaticano hadda turnà!

arrow

Facette venì ‘o meglio generale
ca ll’Austria a chell’epoca teneva (3)

e cunquistaje vulanno ‘a capitale
d”o Stato Pontificio e s”a redeva (4)
.
– Na bona lezione a st’animale
– dicette Napulione – chi ce ‘a leva? –
Manna ‘e rinforze, Roma è già caduta,
surdate e Rre ll’avettero ‘a scusuta!

Scappanno pe Velletri e Terracina,
dinto Caserta se fermaje ‘o Rre
e dettaje stu proclama na matina:
«Popolo mio, m’arraccumanno a tte! …»
E a Napule, dicette a Carulina (5):
– Partimmo … viene sempe appriesso a me …
faccio ‘a guerra ‘a luntano, nun me fermo… 

E se mbarcaje pe se ne j’ a Palermo.


V

N’AIUTO A ‘O RRE

Fra’ Diavolo nun era cchiù surdato,
sbandate ‘e ttruppe, torna ‘int”o paese,
llà, cu ‘e cumpagne, aveva organizzato
na «truppa a massa» facenn’isso ‘e spese.
– Da ‘o Rre, ca voglio bene e m’ha salvato,
i’ nun pretenno manco nu turnese!
E si nu vero pate fuje pe me,
mo pozzo da’ pur’io n’aiuto a ‘o Rre!

P”a strata ca da Fondi jeva a Gaeta,
na zona ‘e valle e munte d”e cchiù belle,
nisciuna armata maje passava quieta;
cchiù ‘e nu francese ce pusava ‘a pelle,
pusava ‘a pelle nzieme c”a muneta
mmiez’a chille sgarrupe e muntagnelle …
E ‘a copp”e rocce, mamma e che trubbéa
si sparava ‘a furtezza ‘e Sant’Andrea …

E ca ‘e francise cunquistajeno ‘o forte?
Fra’ Diavolo ‘o sapeva buono ‘o juoco!
S’accustava cu ‘e ttruppe e ‘a fore ‘e pporte
nun deva tregua manco pe nu poco.
‘E ccose d”e francise jeveno storte
e mettettero Itri a sacco e fuoco.
Chisto era ‘o mezzo pe se vendicà
‘e chi nun ‘e ffaceva cchiù campà!

Na matenata ‘e vierno, ‘n miez”a neva,
(‘o friddo se tagliava cu ll’accetta!)
attuorno ‘o ffuoco tutt”a ggente steva
quanno sponta, currenno, na staffetta.
– Chiammate a Fra’ Diavolo! – diceva.
E chillo arriva comm’a na saetta.
– Michè, Michè, sti cane d”e francise
vinte cumpagne e pàteto hanno accise!
 –

Nascosto ‘a reto ‘e ccase d”o Cavone,
p”e muorte nun ancora vendicate,
Michele era cchiù niro ‘e nu tezzone,
peggio ‘e ciento demmonio scatenate …
Passava nu francese? – Carugnone! –
E lle sparava ‘e mmeglie fucilate!
– Me si’ venuto a taglio pe murì! –
Nun sbagliava nu colpo, v”o ddich’i’!

A Sessa, Fondi, Lènola, Teano,
Fra’ Diavolo jette a cumannà:
– Ccà, tutte quante mm’ita dà na mano
pe vencere ‘o nemico e nn”o caccià!

E p”e paise ‘e tutt”o Garigliano
‘e ponte se facettero zumpà …
E cavalle e suldate cu ‘e cannune
ruciuliàvano abbascio ‘int”e vallune.


VI

CUMANDANTE

A Napule, sapenno c”o nemico
steva a mumente pe s’avvicinà,
chello ca succedette nun ve dico:
se scatenaje ll’inferno ‘int”a città …
Chi vuleva ‘a repubblica e chi amico
d”o re Burbone vuleva restà:
stu sparpetuo duraje quase duje mise
nfi’ a quanno nu trasettero ‘e francise (6).

Mmiscaje, na lotta barbara e feroce,
francise, sanfediste e giacubine.
‘O popolo sfrenato aizava ‘a voce
armato ‘e mazze, prete e carabine …
– Doppo ll’amaro nuje vulimmo ‘o ddoce …
Morte a ‘e francise! … Viva ‘e ffrancesine!
Sta repubblica ‘e niente ce ha nguajate!

E seguitajeno a correre mazzate!

E p”o nemico era na meraviglia:
nu regno fatto ‘e lazzare e pezziente,
è buono ‘e fa’ venì stu parapiglia,
e sustené chisti cumbattimente?
– ‘A do’ vene sta ggente? Come sguiglia?
– penzava ‘o generale – Tiene mente,
ccà nne simmo cacciate d”a città
e p”e paise nun se pò passà!

Quanno a Palermo ‘a Corte d”o Borbone
sapette ca Fra’ Diavolo cercava
‘e vivere, ‘e fucile, ‘e munizione
e ‘a vero generale cumannava,
facette organizzà na spedizione
mannanno tutto chello ca mancava.
Fra’ Diavolo p”a Francia era brigante?
E ‘a Corte ‘o dette ‘o grado ‘e cumandante.

Stessa ‘a Riggina lle mannaje nu plico:
«Caro amico, a Palermo s’è saputo
che date filo ‘a torcere al nemico,
e ca ll’avite sempe cumbattuto.
Quanto vi sono grata non vi dico,
pe tanto, vi ringrazio e vi saluto.
P.S. Chisti ccà astipataville …»

E lle mannaje nu ricco d”e capille.

fonte https://lazzaronapoletano.it/category/0003/0003-0003/page/2/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.