Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (V)

Posted by on Dic 16, 2019

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (V)

X

‘E PPARIGGINE

Michele Pezze pronto n’ata vota,
cu borze chiene d’oro, arme e divise,
chiammava gente e se faceva ‘a nota
‘e chille c’arruolava ‘int”e paise.
E cumbatteva e cchiù pigliava quota,
e sempe era ‘o terrore d”e francise.
A chi ‘o nomme ‘e Fra’ Diavolo senteva,
a quarant’uno lle saglieva ‘a freva!

A Gaeta, ca era assediata,
currette dint’a niente p”a difesa;
faceva nu buttino ogni ghiurnata,
ogne notte faceva na surpresa …
E si ‘o nemico, cu na cannunata
tirava a ‘o forte e pe lle fà n’offesa
o sulo pe lle fà nu spauracchio,
faceva – ‘a copp”e mmura – nu pernacchio.

A Fondi, so pigliate da ‘e bandite
na decina ‘e signore parigine
ca jevano a raggiungere ‘e marite
passanno in diligenza p”e cunfine.
‘E ppurtajeno pallide e avvilite
dint’a na grotta – Overo ca so’ ffine! –
dicette uno d”a banda. – The, guardate!
Chiammate a Fra’ Diavolo, chiammate!

– Verite, don Michè, che robba ‘e lusso!
Mo nce ‘e spartimmo chesti ppullanchelle!
Cert’è c’ognuno ‘e nuje s’allicca ‘o musso!
Jammo, pe vvuje scegliteve ‘e cchiù belle!
 –
Fra’ Diavolo ‘e gguardaje, po’ russo russo
dicette: – Amice mie, scurdatevelle! …
Madame, siete libere … coraggio!
V’aspettano ‘e marite … buon viaggio!

XI

MUORTO O VIVO

Quanno avette ‘o cumanno ‘e na fluttiglia,
dicette ‘o Rre: – Vedimmo che saje fa’! –
E chillo fuje na vera meraviglia:
pigliaje ll’isola ‘e Capri llà pe llà.
Po’, doppo Capri, se sciugliette ‘a briglia
e tutt”e ccoste jette a bumbardà.
Pe premio ‘e sti bravure, il suo Sovrano
piglia e ‘o facette duca di Cassano.

Ma sultanto poch’ati juorne ancora
p”e francise duraje sta dannazione …
‘A vota ca Fra’ Diavolo jette a sora
e pazziava ‘o bersaglio c”o cannone
e nun s’arrepusava manco n’ora,
‘a pacienza sferraje Napulione …
Screvette a ‘e ggenerale pe currivo:
«Fra’ Diavolo voglio! Muorto o vivo!»

Tre reggimente scivete ‘e suldate
se mettetteno ‘n marcia p”o piglià.
Nce steva ‘a taglia ‘e mille e cchiù ducate
e cchiù d’uno sperava ‘e ll’acchiappà …
Ne perlustrajeno sciumme, ponte, strate,
cercanno sempe, ma che vuò truvà?
Dint’a na macchia o sott’a nu castiello:
chillo pareva frato a Farfariello!


XII

‘O TRADIMENTO

Doppo dduje mise, doppo avé perduto
‘e meglie amice suoje ncumbattimento,
doppo ca fuje ferito e fuje traduto,
– era nu brutto juorno ‘e friddo e viento –
annasconne ‘a bandiera e triste e muto
scennette p”e muntagne d”o Celiento.
Affammato, stracciato e senza voce
teneva ‘a faccia ‘e Giesù Cristo ncroce.

Scappanno pe raggiungere ‘o Burbone,
p”o Ponte a’ Fratta a Baronissi jette.
Spuntava ll’alba … e don Matteo Barone,
nu farmacista ‘e llà c”o cunuscette,
(era parente a Giuda stu nfamone!)
c”a scusa ‘e mmedecarlo, che facette?
Truvanno ciento storie e ciento nciarme,
‘o cunzegna ‘int”e mmane d”e ggendarme.

E sta nutizia a nu paese a n’ato
d”o Regno se spanneva comm’a cche …
Giuseppe Bonaparte scrive a ‘o frato:
«Napulione caro, siente, sie’:
Fra’ Diavolo aiere hanno arrestato
e so’ felice ‘e fartelo sapé!»

A napule ‘o purtajeno e ‘o juorno appriesso
ll’uommene ‘e legge arrònzano ‘o pruciesso.

Primma d”o cundannà, n’ufficiale
dint”a prigione jette a lle parlà:
– Chello ch’avite fatto, a che ve vale? …
Vedimmo si putimmo arreparà:
‘A Francia ve dà ‘o grado ‘e generale
si ‘a parta nosta vulite passà …
 –
Rispunnette: – Faciteme murì,
ma ‘o Rre Burbone nun se pò tradì!

fonte http://lazzaronapoletano.it/category/0003/0003-0003/page/2/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.