Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

GIUSEPPE MAZZINI

Posted by on Dic 1, 2017

GIUSEPPE MAZZINI

Con la morte di Giuseppe Mazzini (Genova, 26 luglio 1805 – Pisa, 10 marzo 1872) scomparve dalla scena politica europea uno dei personaggi più attivi e controversi del risorgimento italiano. La sua vita, passata quasi interamente in esilio e tutta dedicata alla causa dell’Italia unita e repubblicana, i suoi ripetuti e sfortunati tentativi rivoluzionari, i suoi appelli da Londra o da Ginevra contro gli austriaci o contro la monarchia dei Savoia, avevano costituito per quarant’anni un punto di riferimento costante della vita politica nazionale. Le numerose associazioni da lui fondate, dalla Giovine Italia alla Giovine Europa, all’Associazione nazionale italiana, al Partito d’Azione, all’Unione degli operai italiani, fino alle più recenti associazioni operaie, avevano promosso la diffusione in Italia degli ideali unitari e repubblicani. Mazzini aveva cercato in tutti i modi di impedire un processo di unificazione nazionale fondato sulla progressiva annessione della penisola al Piemonte, aveva cercato di fare del risorgimento un movimento di popolo, lontano dagli intrighi delle diplomazie e dalle preoccupazioni di mantenimento dell’ordine sociale delle classi dirigenti. Legato a una visione religiosa della vita e a una concezione solidaristica dei rapporti sociali, si era avvicinato alla questione operaia, fino ad aderire per un breve periodo all’Internazionale, ma non aveva mai condiviso l’impostazione rivoluzionaria e classista del marxismo. Le sue ultime battaglie politiche erano state dirette contro il progressivo affermarsi dell’egemonia marxista all’interno del movimento operaio italiano, contro la quale aveva promosso, nel 1864, un Patto di fratellanza fra le società operaie aderenti a un programma moderato e interclassista.

 

GIUSEPPE MAZZINI (Massone)

 

Annoverato dal regime tra i padri della patria, fu iniziato alla carboneria tra il 1827 ed il 1829, divenendo presto uno dei discepoli di Mr. Picke. Nel 1864 il Grande Oriente di Palermo gli accorda il 33° grado. Il 3 giugno 1868 fu proclamato venerabile perpetuo ad onorem della Loggia Lincoln di Lodi e lo si propose alla carica di Gran Maestro. Il 24 luglio fu nominato membro onorario della loggia La Stella d’Italia di Genova ed il 1° ottobre 1870, della loggia La Regione dello stesso Oriente (*)

(*) Dictionnaire Universel de la Franc-Maçonnerie, Tomo II, 1974

fonte

brigantaggio.net

 

 

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.