Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

I Fratelli Musulmani creati dalla massoneria: rivelazioni

Posted by on Giu 15, 2018

I Fratelli Musulmani creati dalla massoneria: rivelazioni

Incredibile quanto apparso sulla rivista World in Review: qui John Coleman, ex-agente dei servizi segreti britannici, ha definito i Fratelli Musulmani come un ordine creato in segreto dalla massoneria inglese con l’aiuto di Thomas Edward Lawrence (noto come Lawrence d’Arabia), Bertrand Russell, St. John Philby, E. G. Browne e Arnold Toynbee.

I Fratelli Musulmani ovvero Ikhwan al-mouslimine, erano guidati da al-Hassan al-Banna (nella foto, nonno di Tariq Ramadan e Hani Ramadan), nato il 14 ottobre 1906 e morto il 12 febbraio 1949. Ricerche d’archivio hanno permesso di scoprire come al-Banna abbia ricevuto 500 sterline dalla potente «Compagnia del Canale»: a suo dire, quei soldi sarebbero appartenuti di diritto al popolo egiziano come, del resto, tutti i beni della Compagnia. Più tardi, ha però iniziato a negare di aver ricevuto tale sostegno economico.

Hassan al-banna ha sempre ammesso di esser stato fortemente influenzato dal pensiero dei suoi predecessori Jamal ad-Din al-Afghani e Muhammad Abdu, mufti di al-Azhar, entrambi grandi iniziati delle logge massoniche francesi e inglesi ed in grado di condizionare profondamente le opinioni nell’Egitto dell’epoca. Del resto, anch’egli avrebbe aderito alla massoneria, come confermato dallo storico Helmi Nimnim, suo connazionale, in una nuova biografia di Sayyid Qutb, teorico della jihad in seno all’organizzazione dei Fratelli Musulmani. Questo libro riproduce un articolo, firmato da Sayyid Qutb, dal titolo «Perché sono divenuto massone?», apparso il 23 aprile 1943 sul giornale al-Taj al-Masri La corona d’Egitto»), edito dai grembiulini. E spiega d’aver aderito alle logge, avendo trovato in esse «un rimedio alle ferite dell’umanità, bussai [a questa porta], al fine di nutrire l’anima di filosofia e saggezza. Ed infine per essere un mujahidin, un combattente accanto a combattenti e di lavorare al fianco di coloro che lavorano».

Molti autori hanno evidenziato le somiglianze tra le cerimonie d’iniziazione delle due Confraternite, i Fratelli Musulmani e la massoneria. All’epoca, le logge egiziane venivano controllate direttamente dai servizi segreti britannici. Il re Farouk ne era membro.

Coleman, che ha permesso in passato di sollevare il velo dell’omertà e del mistero su numerosi casi di manipolazione e d’interferenza, organizzati da forze occulte e dalle officine mondialiste (dal Club di Roma alla Giorgio Cini Foundation, dal Forbes Global 2000 all’Interreligious Peace Colloquium sino al Tavistock Institute, ha reso noto anche questi dettagli, certamente non indifferenti.

fonte

https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/i-fratelli-musulmani-creati-dalla-massoneria-rivelazioni/

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.