Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Il bimbo, le fasce, la mangiatoia. E il Gesù di cera delle suore partenopee a San Gregorio Armeno

Posted by on Dic 25, 2017

Il bimbo, le fasce, la mangiatoia. E il Gesù di cera delle suore partenopee a San Gregorio Armeno

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott’ e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle
Se vedetteno accossí:
E a cchiú lucente
Jett’a chíamma’ li Magge all’Uriente.

Co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe’nsí ‘o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sott’a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A ‘no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva si’ Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce ‘a vocca, e po’ mbriache ‘o core.

Non c’erano nemmice pe’ la terra,
La pecora pasceva co’ lione;
Co’ e’ caprette – se vedette
‘O liupardo pazzea’;
L’urzo e ‘o vitiello
E co’ lo lupo ‘npace ‘o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, ‘a terra, ‘o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
Mpiett’o core pazzea’
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E ‘n’Angelo sbrannente cchiú d’ ‘o sole
Comparette – e le dicette:
Non ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettlemme
D’ ‘o Munno l’aspettato Sarvatore.
Dint’i panni’ o trovarrite,
Nu potite – maje sgarra’,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebio curcato.

A meliune l’Angiule calare
Co’ chiste se mettetten’ a cantare:
Gloria a Dio, pace in terra,
Nu cchiú guerra – è nato già
Lo Rre d’ammore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva ‘o core mpietto a ssí Pasture;
E l’uno ‘nfaccia all’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevoli’
Pe’ lo golío
Che tengo de vedé’ sso Ninno Dio.

Zombanno, comm’a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co’ Gíuseppe e a Gioia mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno ‘no muorzo ‘e Paraviso.

Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe’ tanto tiempo senza di’ parola;
Po’ jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe’ sfoca’,
Da dint’ ‘o core
Cacciajeno a migliara atte d’ammore.

Co’ a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L’azzettaje – comm’a ddi’,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘ncapo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasille – mprimmo, e po’
Chelle Manelle,
All’urtemo lo Musso e i Mascarielle.

Po’ assieme se mettetteno a sonare
E a canta’ cu l’Angiule e Maria,
Co’ na voce – accossí doce,
Che Gesú facette: a aa…
E po’ chiudette
Chill’uocchie aggraziate e s’addormette.

La nonna che cantajeno mme pare
Ch’avette ‘a esse chesta che mo’ dico.
Ma ‘nfrattanto – io la canto,
Mmacenateve de sta’
Co li Pasture
Vecino a Ninno bello vuje pure.

Viene suonno da lo Cielo,
Viene e adduorme ‘sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e non tarda’.
Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,

Doce, doce pe’ te fare
‘Ss’uocchíe bell’addormenta’.
Ma si Tu p’esser’amato
Te sí fatto Bammeníello,
Sulo ammore è o sonnaríello
Che dormire te pò fa’.

Ment’è chesto può fa nonna,
Pe Te st’arma è arza e bona.
T’amo, t’a’… Uh sta canzona
Già t’ha fatto addobea’!
T’amo Dio – Bello mio,
T’amo Gíoja, t’amo, t’a’…

Cantanno po’ e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buo’ ca cchiú arrecietto
Non trovajeno int’a lu pietto:
A ‘o caro Bene
Facevan’ ogni poco ‘o va e biene.

Lo ‘nfierno sulamente e i peccature
‘Ncoccíuse comm’a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura – vonno sta’
Li spurteglíune,
Fujenno da lo sole li briccune.

Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiú peccare,
Voglio amare – voglio sta’
Co’ Nínno bello
Comme nce sta lo voje e l’aseniello.

Nennillo mio, Tu si’ sole d’ammore,
Faje luce e scarfe pure ‘o peccatore
Quanno è tutto – niro e brutto
Comm’a pece, tanno cchiú
Lo tiene mente,
E ‘o faje arreventa’ bello e sbrannente.

Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste,
Acciò chiagnesse pure ‘o peccatore.
Aggio tuorto – haje fosse muorto
N’ora primmo de pecca’!
Tu m’aje amato,
E io pe’ paga’ t’aggio maltrattato!

A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avrite a fa’ de lagreme chiagnenno
Pe’ llavare – pe’ scarfare
Li pedilli di Gesù;
Chi sa, pracato,
Decesse: Via, ca t’aggio perdonato.

Viato me si aggio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiú desiderare?
O Maria – Speranza mia,
Ment’io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.

Sant’Alfonso Maria de Liguori

Eccoci arrivati all’ultima puntata del Calendario dell’Avvento dedicato al presepe napoletano. E non potevamo che dedicarla al  “Ninno” che a Napoli è di casa ed è divenuto un riscatto popolare della reietta condizione sociale. Ne approfittiamo per aggiungere anche qualche cenno sugli elementi del presepe che lo riguardano a cominciare dalla mangiatoia che fa da culla al bambin Gesù. Il termine stesso di presepio, spiega Luca Zolli, etimologicamente deriva dalla mangiatoia. Il richiamo al deserto del quale la mangiatoia è espressione indica la dimensione ascetica ed esicasta della Via cristiana di vittoria e liberazione dalla morte e dalla corruzione. Tutto il percorso del presepio allude a ciò che la mangiatoia richiama: la Natività con tutto ciò che essa comporta e che sarà ulteriormente chiarito dalle fasce.

[…] santissima è la mangiatoia, teòfore le fasce: la vita, in essa avvolta, spezzerà le catene della morte, stringendo i mortali per renderli incorruttibili, o cristo, Dio nostro […]”. In Quann’ nascette Ninno un passaggio particolarmente illuminante a proposito di questo paradosso attraverso le quali le fasce spezzano le catene della morte, trasformando ciò che incatena: le passioni, in ciò che ci unisce a Dio: le virtù : ” […] Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto / Che fuje puosto – sott’a Te, / Se ‘nfigliulette, / E de frunnelle e sciure se vestette […]” (trad. “ […] Come il fieno secco e tosto Che fu posto sotto di Te, S’ingemmò”.

Gesù viene annunciato ai pastori “in fasce adagiato in una mangiatoia” come racconta il vangelo di Luca, unico cronista della nascita, e nel presepe è posto in una capanna o una grotta. La tradizione napoletana invece colloca di preferenza il gruppo della natività tra le rovine antiche di un tempio pagano. Le fasce sono profezia della morte di Gesù, avvolto nel sudario. Ma è anche un neonato come tutti gli altri, pienamente umano, coperto di un pannicello, segno della condizione di povertà materiale. In una forma o nell’altra la rappresentazione della nascita non va mai disgiunta dall’annuncio profetico della salvezza. Gesù apre le braccia in segno d’accoglienza. E’ la figura più importante del presepe e la tradizione natalizia vuole che sia posto nel presepio alla mezzanotte del 24, tra la Madonna e San Giuseppe.

Quanno nascette Ninno, di Sant’Alfonso Maria de Liguori, è una sintesi dei temi legati alla nascita, come spiega Italo Sarcone: “Per esempio, nella terza strofa ‘o ffieno sicco e tuosto rende già con i suoni la durezza dell’erba inaridita, la quale miracolosamente riacquista la sua freschezza a quel contatto e “di nuovo ha figli”: se ‘nfigliulette, letteralmente “fu pregna, concepì i figli”; in napoletano è una sola parola di cinque sillabe, cui conferisce delicatezza la palatale al centro. La palatale ritorna in sciure “fiori” che, assieme al diminutivo frunnelle, “piccole fronde”, esprime il miracolo della natura che rinasce a nuova vita, quando il suo Creatore viene a farsi Creatura.

Nella quarta strofa, particolarmente significativo è il paragone del Bambinello con un grappolo d’uva, che ci richiama agli antichi miti delle culture mediterranee: già Dioniso, già Adone, ma anche Osiride, Attis, ed altre divinità della Natura, con la Natura erano nati, avevano patito ed erano morti per poi risorgere, a primavera, con la Natura stessa.

Ma queste vicissitudini costituiscono un ciclo continuo e necessario, nel quale la personalità del dio sfuma nella vicenda naturalistica: la nascita di Gesù avviene, al contrario, per un libero atto d’amore e costituisce un evento storico, di cui gli Evangelisti si preoccupano di dare le coordinate temporali, collocandolo al tempo di Augusto e di Erode, personaggi e nomi ben conosciuti: quanno nascette Ninno non è come dire c’era una volta un re…

E non è, Gesù, uno dei tanti dei della Natura: è il Dio che ha creato la Natura. Preciseranno poi i Padri e i Dottori della Chiesa (e Sant’Alfonso è uno di loro) che Gesù è il Verbo attraverso cui il mondo fu creato: e il Verbo si fece carne.

La nascita del Dio fatto Uomo, per un po’ almeno, riporta per la Natura quello che fu l’idillio del Paradiso terrestre e per le tradizioni pagane l’ “età dell’oro”.

La IV Bucolica di Virgilio concorre con la profezia di Isaia alla formazione di questa immagine di serenità e di pace universale.

Le strofe dalla sei alla dieci narrano, secondo il racconto del Vangelo, l’annuncio degli Angeli ai pastori, che accolgono con gioia la lieta novella (si ricordi che è proprio questo il significato della parola Evangelo).

Quanno nascette Ninno, questi rappresentanti di un’umanità umile, buona ed operosa, prontamente accorsero sul luogo della Divina Nascita.

L’adorazione del Bambino è narrata da Sant’Alfonso secondo quella che può essere l’immaginazione popolare.

A un certo punto (strofa sedicesima), l’Autore prende la parola in prima persona per riferire il canto che la Madonna, gli Angeli e i pastori intonano per cullare il sonno del Bambino Gesù: le quattro strofe che compongono la ninna nanna erano cantate su una melodia tipica delle ninne nanne popolari.

Segue la parte più propriamente morale, di allocuzione al popolo, che è invitato a seguire l’esempio dei pastori e a recarsi al presepe con nel cuore il pentimento per i peccati commessi, con i quali mal si ripaga quel Dio che, per amore, ha voluto farsi Uomo e Bimbo.

L’esempio è offerto dal bue e dall’asinello, i due umili animali che riconoscono, adagiato nel fieno, il loro Signore. Cognovit bos possessorem suum et asinus praesepe domini sui: il bue riconosce il suo padrone e l’asino la greppia del suo signore, secondo la profezia di Isaia.
 Belle, nel testo, alcune parole dell’antico dialetto napoletano: ‘ncocciuse, letteralmente, “incocciati”, “di coccio”, “cocciuti”; spurteglione, pipistrello, dal latino vespertilio, -onis, “l’animale che esce al vespro”, con l’oscurità (a scura = all’oscuro).

Nel Vangelo di Giovanni, le tenebre non accolgono la Luce: et Lux in tenebris lucet et tenebrae eam non comprehenderunt (la Luce risplende nelle tenebre e le tenebre non lh’anno voluta ricevere, secondo l’interpretazione corrente).

Nelle ultime strofe si sviluppa il contrasto tenebre/Luce: il peccatore è nero come la pece, ma, se si pente, può ricondurlo all’antico splendore la misericordia di Dio, che è il vero Sole.

L’ultima preghiera è rivolta alla Madonna, la quale, accettando di essere la Madre di Dio che si fa Uomo, ha pure accettato di essere madre dei peccatori”.

Ultima cosa che mi preme raccontarvi è legata alla foto che vedete sopra, di Francesco Paolo Busco, che ringraziamo e che ci ha accompagnato quasi nella totalità di questo viaggio nel presepe napoletano: è la foto dei Gesù Bambino di cera che tutt’oggi nel Monastero delle Clarisse Cappuccine di Napoli, detto “delle Trentatré” che creano questi bambinelli in cera grazie alle monache di clausura, “figlie” di quella Maria Lorenza Longo che fu la fondatrice dell’Ospedale degli Incurabili, nel 1522. Li costruiscono ancora fondendo la cera con il fornelletto a carbonella (perché dice che mantiene meglio la temperatura). Li fanno in varie pose e dimensioni, poi li rifiniscono e li colorano a mano. Il loro lavoro sembra sia molto apprezzato ed essendo anche in poche a lavorarci la lista d’attesa è lunga. Per contattarle potete scrivere un biglietto, andare al Monastero in via Pisanelli 8 e metterlo sulla ruota. Poi dite a voce che lo avete messo: la suora non la vedete ma sta dall’altro lato e vi chiede se può girare; vedrete la vostra lettera che scompare piano piano (www.cappuccine33.it).

Salutandovi e ringraziandovi per averci seguito in questo mese, auguro a tutti i lettori di Identità Insorgenti un buon natale e un 2018 radioso.

Lucilla Parlato

sacra famiglia

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: