Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

INDIETRO, SAVOIA

Posted by on Giu 21, 2022

INDIETRO, SAVOIA

Nel 1894 moriva ad Arco, nel Trentino austriaco, Francesco II di Borbone, re delle Due Sicilie in esilio.

Sia pure tardi, aveva guidato il suo esercito contro Garibaldi al Garigliano e contro Vittorio Emanuele II al Volturno, e difeso Gaeta; aveva sperato nelle insurrezioni popolari antipiemontesi e in qualche aiuto internazionale. Poi visse, silenzioso, in decorose ristrettezze e nel disagio di un matrimonio poco felice. A Napoli aveva lasciato intatto il tesoro dello Stato (il doppio degli altri italiani messi assieme, e non un carlino di debiti), e il patrimonio privato; dell’uno e dell’altro si impadronirono i Savoia e parecchi loro amici indigeni e forestieri. Francesco non chiese mai nulla, né oggi i suoi eredi.

 Vittorio Emanuele e suo figlio pretendono il risarcimento dell’esilio. E viva il governo Prodi (per questo solo, s’intende!) che risponde come meritano. A parte i soldi, è ora di sottoporre a processo i Savoia di fronte alla storia. Ai miei occhi, la prima colpa fu l’unificazione furbastra e a colpi di mano, sotto la protezione e per interessi francesi e inglesi. Forse, per le circostanze, non c’era altro modo, ma la storia d’Italia restò e resta segnata da questa mancanza di vera gloria, da taccia di truffaldineria. Si paragoni l’unità germanica del 1871!

 La repressione delle insurrezioni meridionali (1861-7) fu così barbara che i documenti ufficiali sono ancora secretati; e la città di Napoli venne mantenuta in ordine attraverso un esplicito accordo tra Savoia e camorra. Non solo il Sud: il “galantuomo” Vittorio aveva bombardato Genova, e suo figlio “buono” manderà Bava Beccaris a cannoneggiare gli operai di Milano.

 Nel 1922 Vittorio Emanuele III incaricò Mussolini in luogo dell’incapacissimo Facta. Se fu colpa, come pensano o dicono alcuni, la condivise con Croce, Diaz, Giolitti, Gronchi, Orlando, Salandra, Sonnino, Thaon de Revel eccetera e l’intero Senato, che votarono la fiducia a Benito. Ma le colpe dell’8 settembre ‘43 sono tutte del re, lo sfacciato e vile abbandono di posto senza dir niente a nessuno e lo sfascio dell’Italia, lui comandante nominale delle Forze Armate, e il figlio generale.

 Dovremmo poi chiedere a tutti i Carignano, chi più chi meno, risarcimento per aver reso ridicola l’Italia su tutti i rotocalchi scandalistici, tra donnacce, amorazzi, toreri, tresche, omicidi, e oggi carciofini e commenti da Bar Stadio.

Indietro, Savoia!

Ulderico Nisticò

fonte

INDIETRO, SAVOIA

(Fotografia di Francesco II poco prima della sua morte ad Arco di Trento) 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.