Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LA FARSA DEL PLEBISCITO (II)

Posted by on Giu 25, 2022

LA FARSA DEL PLEBISCITO (II)

IL TRADITORE LIBORIO ROMANO

Nel nuovo governo costituente, voluto da FRANCESCO II nel giugno 1860 e formato dal primo ministro SPINELLI, LIBORIO ROMANO ( foto sotto ) fu nominato Ministro dell’interno e Capo della polizia.

Era un fedele borbonico o un fervente sostenitore della monarchia? No. Era un vecchio liberale rivoluzionario che in vita sua aveva sempre combattuto i Borbone.

Nel 1820 fu confinato a Patù ( la sua città di nascita) perchè aveva partecipato ai moti mazziniani.

Nel 1826 venne arrestato per attività antiborbonica.

Nel 1848 fu tra i più accesi sostenitori della costituzione e tra i più agguerriti avversari di FERDINANDO II , tanto che per questi motivi fu esiliato in Francia fino al 1854,anno in cui ritornò a Napoli per svolgere la professione di avvocato.

Ma FRANCESO, ritenendo ingenuamente che un vecchio liberale al governo potesse soddisfare le richieste dei suoi avversari e calmare i bollenti spiriti dei rivoluzionari ,lasciò che questo sconcio avvenisse. E ROMANO, non appena entrato in carica ,subito inizia a prendere contatti con CAVOUR ,per tramite dell’Ammiraglio PERSANO, e a telegrafare a Garibaldi, che era alle porte di Napoli, per svelargli le mosse del Re Borbone. Atti dei quali si “vantò”,poi, nelle sue “Memorie”, scritte per giustificare il suo vile comportamento.

Fu lui a convincere FRANCESCO II ad abbandonare Napoli per evitare spargimenti di sangue e a rifugiarsi a Gaeta; fu lui ad accordarsi con il capo della camorra SALVATORE CRESCENZO ,detto TOR E CRISCIENZ , per mantenere l’ordine pubblico a Napoli ;fu lui a costituire una “guardia cittadina” di circa 9600 militi tra camorristi e liberali ,armata con i fucili piemontesi che gli dette PERSANO; e fu sempre lui a dare l’amnistia per tutti i reati commessi ai camorristi ed a compiere il primo accordo STATO-MAFIA della storia. Il 6 settembre il Re lascia Napoli ,lo stesso giorno DON LIBORIO telegrafa a Garibaldi che poteva entrare nella capitale senza problemi perchè all’ordine pubblico avrebbero provveduto lui ed il suo amico camorrista. Infatti, il 7 settembre , alle 13 di pomeriggio, il Dittatore entra nella capitale del Regno delle due Sicilie su una sontuosa carrozza avendo alla destra DON LIBORIO ed alla sinistra TOR E CRISCIENZ, mentre il popolino ,sotto lo sguardo minaccioso dei camorristi, applaudiva e sventolava il tricolore, più per timore che per amore.

Come tutti i TRADITORI che la storia ricordi DON LIBORIO fu premiato dai piemontesi con la carica di Ministro dell’Agricoltura nel governo luogotenenziale del 7 gennaio del 1861 ,retto da EUGENIO DI SAVOIA ,e successivamente eletto nel parlamento unitario.

E si chiude così un’altra vergognosa pagina del “risorgimento” dove a gridare “viva l’Italia” erano camorristi e delinquenti che, per l’occasione, avevano appuntato la coccarda tricolore sul proprio petto.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.