Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LARGO ‘E PALAZZO

Posted by on Mag 3, 2020

LARGO ‘E PALAZZO

Chi ha avuto, ha avuto
e chi ha dato, ha dato,
(ma nun) scurdammoce ‘o ppassato:
simme ‘e Napule, paisà

  • Gennaro: Vicie’, hê visto: ‘o Rre nuosto è turnato a Napule e ha fatto nu ricevimento int’â Reggia ‘e Caserta cu tutt’ ‘e nobbili nuoste. (Vincenzo hai visto: il nostro Re è tornato a Napoli ed ha fatto un ricevimento nella Reggia di Caserta con tutta la nostra nobiltà)
  • Vicienzo: Sí, aggie sentuto. ’A verità pur’io me so’ arrecriato. Ma assaje cchiú quanne aggie sentuto ca chillu malèrva d’ ’o savoia ha fatte dimanna a ll’Europa pe ttrasí ‘n Italia, mente nuje tenevemo ’o Rre nuosto int’ â casa nosta. (Sí, ho sentito. Per la verità la cosa mi è piaciuta moltissimo. Soprattutto quando ho sentito che nello stesso tempo quel savoia voleva fare domanda alla Corte Europea per poter entrare in Italia).
  • Gennaro: Sí, però ‘o fatto è curiúso: primma nun ce hanno vuluto dà ‘a Reggia ô principe Carlo, po’, aroppo ca s’è nsurato cu chella Camilla Crociani, ce hanno arapúto tutt’ ‘e porte cu tanto ‘e onore. (Sí, però il fatto è molto strano: prima non hanno voluto concedere l’uso della Reggia per il matrimonio del Principe Carlo, poi dopo che si è sposato con quella Camilla Crociani, gli hanno aperto tutte le porte con tanto di onori).
  • Vicienzo: Chisà che ce sta sotto. Se vere ca ce stanno futtenno pure ô Rre nuosto. (Chissà che imbroglio c’è sotto. Forse si sono comprati pure il nostro Re).
  • Gennaro: Ma sí, tanto sule stevemo primma e sule stammo pure mo’. A nuje meridionali ce hanno fatto addeventà tuttu quante comme a sacche ‘e mmerda: nuje avimm’a consumà ‘e prodotte d’ ‘o nord e nun avimm’a maje aizà ‘a capa. (Ma sí, tanto eravamo soli prima e siamo soli adesso. Noi meridionali abbiamo la sola funzione di consumatori e siamo stati ridotti come dei cessi attraverso cui devono passare tutti i prodotti che produce il nord. Per questo non dobbiamo mai piú avere la nostra autonomia).
  • Vicienzo: È proprio overo! Nce sfruttano senza pietà: pe lloro chello ca conta so’ ‘e sorde e p”e sorde se ne fottono d’ ‘a povera ggente. Mo stu guvierno taliano fa pure a vedè ca vonno nvestí 400mila miliardi ô Sudd, ma pe ffà ancora fesse a chi ce crede e, comm‘a ssempe, chilli fauze d‘ ‘a Lega Nord fanno casino contro ô Meridione p’annasconnere ca chilli sorde vanno proprio a ll‘industriale d‘ ‘o Nord e a chilli politice meridiunale mantenute da lloro (È proprio vero! Ci sfruttano senza pietà: per loro contano solo i soldi e per questi soldi se ne fregano della povera gente. Ora, quelli del governo “italiano”, per imbrogliare quelli che credono ancora alle loro favolette, promettono d’investire al Sud altri 400mila miliardi, mentre quegli ipocriti della Lega Nord, come sempre, sbraitano contro i meridionali senza dire però che quei soldi in realtà vanno proprio agli industriali del nord e ai conniventi politici meridionali da loro stessi mantenuti).
  • Gennaro: Sí, ma ‘a cosa ca m’ha fatto cchiú ncazzà è quanno fanno vedé ‘e se meraviglià ca chilli 150 siciliani nun so’ vuluto jí a ffaticà ô nord. ‘E ggiurnale po’, c’apparteneno annascuso a ll’Alta Finanza, ce hanno azzuppato pure ‘o biscotto, dicenno ca ‘o fatto nun se capisce, pecché se sta tanto bbuono … ô nord. (Sí, ma la cosa che mi ha fatto piú arrabbiare è che quelli hanno fatto anche finta di meravigliarsi quando quei 150 Siciliani hanno rifiutato di venire a lavorare al nord. I giornali, poi, che appartengono tutti segretamente all’Alta Finanza, ci hanno anche rimestato dentro, dicendo che si vive cosí bene … al nord).
  • Vicienzo: Fanno bbuono a nun ghí ô nord. Chisti càntare ‘e ll’alta finanza nun teneno cchiú crianza e vonne ancora avè schiavi a basso costo; e siccome ‘a cumannano lloro ‘a bbarracca, chianu chianu stanno mparanno a tutt’ ‘a ggente a vivere cumme a lloro. (Fanno bene a non andare al nord. Ormai l’alta finanza non ha piú valori morali e vorrebbe ancora schiavi a basso costo; e siccome ha in mano tutto il potere, sta imponendo questo modo di vivere a tutta la gente, che ha imparato dai suoi esponenti a credere in questi disvalori)
  • Gennaro: Pe cchesto pô essere ca se vonne zucà ‘e Borbone ‘a parte ‘e lloro: pe nce levà pure a ll’úrdemo simbolo vivente d’ ‘a storia nosta. L’hanno sturiato bbuono ‘o fatto. Viste ca ce steva stu risveglio p’ ‘e tradizzioni noste, hanno penzato ca era meglio ‘e s’abbaccà cu lloro e accussí nuje comme a pecurone ammusciavamo n’ata vota ‘e rrecchie. (Per questo può essere che vogliono attirare i Borbone dalla loro parte, cosí eliminano l’ultimo simbolo vivente della nostra storia. L’hanno studiata bene la faccenda: visto che c’era questo risveglio per le nostre tradizioni, hanno pensato di fregarci in modo indolore, in tal modo noi ritorniamo ad essere dei pecoroni).
  • Vicienzo: Seeh, hanno truvato ê pecuroni! Chille nun ‘e cunosceno propio ‘e Napulitane. Nuje simme verace, ponno passà ati cient’anne, ma ‘o core nuosto rimane sempe chille. Cu ‘e Borbone o senza ‘e Borbone, nuje simme Napulitane e primma o roppo ce liberamme ‘e sti magnasivo ‘e settentriunale. (Sí, li hanno trovati i pecoroni! Quelli si vede che non li conoscono proprio i Napolitani. Possono passare ancora cento anni, ma la nostra identità rimarrà sempre quella. Con i Borbone o senza i Borbone prima o poi ci libereremo di questi mangiasègo di settentrionali).
  • Gennaro: Sí, però cu ‘e Borbone fosse n’ata cosa. ‘A Patria nosta è addo sta ‘o Rre nuosto. (Sí, però con i Borbone sarebbe tutt’altra cosa. La nostra Patria è dove c’è il nostro Re).
  • Vicienzo: Sí, pur’io so’ d’accordo cu ttico, ma si ‘o Rre nuosto passa all’ata parte, nuje che facimmo? (Sí, anch’io sono d’accordo con te, ma se il nostro Re passa dall’altra parte noi che facciamo?).
  • Gennaro: Vicie‘, nun vuttammo ‘o pere annanze senza sapé bbuono comme stanno ‘e ccose. Nuje ‘ a battaglia nosta l’avimme fà sempe. E po’, nun te scurdà, ca so’ state propie ‘e meridionale ca l’hanno tradute. Si no, ‘o Rre nuosto ‘o tenevemo ancora ccà e chi sa mo comme fossemo state bbuono. (Vincenzo, non facciamo illazioni senza sapere bene come stanno le cose. Noi continueremo sempre la nostra battaglia. E poi non dimenticare che sono stati proprio i meridionali che l’hanno tradito. Chi lo sa oggi come saremmo stati bene con i Borbone).
  • Vicienzo: No, io nun m’ ‘o scordo. Purtroppo sti nzevúse ‘e traditure ce stanno pure mo. Si nun ce stessero, ‘o ssaje ‘a quanne avessemo già aizato ‘a capa? Comunque c’ ‘o Rre o senza ‘o Rre, nuje nce avimm’a luvà sti zzecche ‘a cuollo ‘a nnuje, si no maje fosseme libbere. (No, non me lo dimentico. Purtroppo questi sporchi traditori sono ancora adesso tra noi. Altrimenti già da molto tempo ci saremmo ripresi la nostra indipendenza. Comunque con il Re o senza il Re noi dobbiamo estirparci da dosso queste zecche, altrimenti mai saremmo liberi).

Antonio Pagano

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.