Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LE TRASGRESSIONI SESSUALI DI VITTORIO EMANUELE II

Posted by on Nov 2, 2020

LE TRASGRESSIONI SESSUALI DI VITTORIO EMANUELE II

Era un uomo piuttosto rozzo e impulsivo, coraggioso in battaglia, amava la caccia, le donne, i cavalli, e la vita semplice dei montanari assai più delle cerimonie di corte.Non brillò, è noto, per fedeltà coniugale alla pia e mite Maria Adelaide (morta nel 1855)

Si parla tanto delle amene serate di Arcore e che dire invece dei comportamenti sessuali del nostro padre della patria Vittorio Emanuele II?
Ce ne parla ampiamente Carlo Dossi (Zenevredo, 27 marzo 1849 – Cardina, 19 novembre 1910), scrittore e politico dell’epoca, nelle sue “note azzurre”. Aristocratico e diplomatico , il Dossi in questo suo diario ,che in apparenza potrebbe sembrare uno zibaldone di osservazioni e commenti di varia natura, annota un’infinità di aneddoti non di rado scabrosi su personaggi illustri o poco noti della società milanese e italiana contemporanea . Tra questi lo scrittore ci parla delle le vicende erotiche di quel “violentatore di vergini” ed irrefrenabile “chiavatore” che fu Vittorio Emanuele II.
Eccone qualche accenno:

“Appunto 539, pag. 33: “Si dice che una contessa B(…) di Udine, immiserita per la sua prodigalità, abbia prostituito una sua figlia di 13 anni a quel re viziatore di vergini che ha nome Vittorio Emanuele. Sta di fatto che la contessa oggidì spende e spande- e trae in carrozza la sua infamia pei pubblici passeggi di Udine”.Appunto 4595, pag. 616. Mi avvarrò, per questa nota, di molti omissis. Sarei imbarazzato a trascriverla integralmente.“Vittorio Emanuele fu uno dei più illustri … contemporanei. Il suo budget segnava nella rubrica donne un milione e mezzo all’anno, mentre nella rubrica cibo non più di 600 lire al mese. A volte, di notte, svegliatasi di soprassalto, chiamava l’aiutante di servizio, gridando “una fumna, una fumna!”- e l’aiutante dovea girar i casini della città finché una ne avesse trovata, fresca abbastanza per essere presentata a S. M. La tassa era di lire 100- ad ogni donna però, che avesse rapporti con lui, dava un contrassegno, perché, volendo, si ripresentasse (…) Il suo dottore di corte aveva un gran da fare a riaccomodare uteri spostati (…) Quel Giove terrestre, quando coitava, ruggiva come un leone. Amava che le donne gli si ripresentassero nude con scarpettine e calzette; e fumando sigari avana si divertiva a contemplarle, mentre gli ballavano attorno. Ma a un tratto lo pigliava l’estro venereo,e (…). – Una sera poi scrisse al naturalista Filippi un biglietto così concepito “Vi prego di mandarmi stasera nel mio boudoir un leone impagliato”. E il leone viaggiò quella sera a corte in una carrozza reale, destinato a chissà quali misteri. – Vittorio amava personalmente l’oratore Brofferio, altro gran …, cui domandava e quante volte facesse e come ecc. con quell’interesse con cui stava al corrente delle sorti d’Italia. – Brofferio gli faceva poi da araldo e pacificatore colle nuove e vecchie amorose – uno dei sintomi della sua prossimità alla fine, egli lo sentì pochi giorni prima di porsi a letto, quando disse in piemontese a Bruno “sa dottore- non mi tira più; brutto segno”- Nelle sue gite di caccia a Valsavaranche era seguito da un harem di donne- Amava soprattutto la Rosina Vercellana (poi contessa di Mirafiori) e ai figli di lei diceva: “Umberto e Amedeo sono i figli della nazione; voi, i miei”.

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.