Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Lingua Napoletana, Il Rattuso

Posted by on Nov 4, 2020

Lingua Napoletana, Il Rattuso

La lingua Napoletana o, come diciamo noi, il  Napoletano, e’ riconosciuto come lingua e non come dialetto come impropriamente qualcuno lo definisce.

La lingua Napoletana non e’ dialetto

Il Napoletano è una lingua o un dialetto? Possiamo accertare con esattezza che il Napoletano è un idioma mondiale. Studiosi, letterati ma anche persone semplici hanno dato il loro contributo  all’etimologia della lingua Napoletana, una materia affascinante che si perde nella notte dei tempi, che risale forse ai greci o a Virgilio  oppure a Carlo III di Borbone?

Etimologia della lingua napoletana

Vi siete mai chiesti come nascono i suoi vocaboli? scopritelo insieme a noi.
Ecco l’etimologia dei  vocaboli più comuni del napoletano. scopriamo insieme la nascita delle parole  che fanno parte dello slang quotidiano.

Il corso dei secoli non ha segnato solo la storia della città ma anche della linguaggio,  che  ha subito influenze  incredibili, dall’arabo, al greco, al tedesco la francese allo spagnolo e chi più ne ha più ne metta.

Ecco la  storia delle parole in napoletano il significato e l’origine.

Quante volte parlando con un amico, o in famiglia è scappata una parola in dialetto o in napoletano arcaico e ci siamo chiesti: “ ma perché a Napoli diciamo così da dove deriva il termine“?.
La nostra rubrica si pone come obbiettivo quello di risalire all’origine del vocabolo o del detto,  trovare la radice dell’etimo e svelare le mille curiosità che si celano dietro una parola di uso comune.
Lo sai come nasce la parola Guaglione?, oppure il termine tiè da dove deriva?  e la parola  Loffa, o caccavella?
Queste e molte altre curiosità troverete nella nostra rubrica per Napoletani e non.

Rattuso, origini del termine e l’uso nella lingua napoletana

Rattuso, è un termine molto usato in lingua napoletana. Il tipico tipo lascivo, indecente, libidinoso. Le origini della parola derivano dal latino.

[better-ads type=”banner” banner=”105133″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Ci sono alcune parole napoletane che sono completamente intraducibili. Sì perché con una sola parola esprimono concetti di una complessità enorme pensiamo a tradurre che ne so cazzimma, skizzekea, N’gannaruto…

Tu come vuoi tradurre per esempio rattuso? Sì perché è termine che noi napoletani conosciamo benissimo è un complesso di atteggiamenti soprattutto riservato agli anziani.

Ecco perché si dice spesso  : “quello è un vecchio rattuso” ma non è escluso che molti giovanotti siano rattusi in questo caso “chillè nu poc rattusiello”.

Il rattuso è  il malato e il vizioso, il molestatore, quello che ad esempio  va strusciandosi sui mezzi pubblici.

Ecco è quello che guarda una donna dopo 30 secondi è capace di dirti tutte le sue misure oppure quello che va toccando le donne che le abbraccia sempre: “che bella guagliona che ti sei fatta” che tocca sempre l’avambraccio perché è un posto neutro.

Èil cinquantenne che vanta sempre grandi prestazioni sessuali mentre non è buono proprio niente.

L’etimologia viene dal latino rasus che significa sfiorato attraverso attraverso il francese “Ratache” che significa appunto strofinarsi.

La favoletta napoletana del vecchio rattuso

In un piccolo paesino in provincia di Napoli viveva un uomo anziano di 93 anni , don Vicienzo vedovo di ben 4 mogli.
St’ommo in vita sua aveva avuto fama di grande amatore .A ll’epoca nun ce steve ‘na femmine d’o paese che nun era passata sotto a turlindana e Orlando!
Don Vicienzo gudeva ancora di buona salute, e ogni tre mise si recava dal medico per i controlli.
Un giorno il medico gli chiese:
-“don Vicie’ comme ve sentite? Maie state meglio inta a vita mia”,rispose o viecchio, “anzi vi diro’ che tengo na badante rumena e 21 anne è’ già incinta e tra poco sarò padre, nata vota. Cosa ne pensate dutto’?”
Il medico pensa un momento e dice:” Don Vicie’ se permettete v’aggia raccunta’ ‘na sturiella? ‘Na vota , cunuscette nu tale accanito cacciatore, nu juorne uscì di casa precipitosamente e pigliaie l’ombrello o posto d’o fucile.
Quando fu nel bosco,improvvisamente, nu lupo gli comparve annanze, prese l’ombrello, lo strinse con forza e lo puntò verso l’animale. E sapete cosa successe?”
“No.” Rispose il vecchio.
Il dottore continuò: “o lupo cadette muorto davanti a lui!”
“E’ impossibile!” gridò Don Vicienzo. “Qualcun altro deve aver sparato ‘o posto suoio!”
“E’ esattamente quello che sto cercando di spiegarvi, don Vicie’!” Rispose il medico.
Morale della favola:”ad una certa eta’ è meglio che ‘nce ammesuramme a palla!”

fonte

https://napolipiu.com/cultura-napoletana/lingua-napoletana

2 Comments

  1. Per cortesia, qualcuno mi spieghi qual è il nesso logico tra la negazione del Napoletano-dialetto e l’etimologia di “rattuso”. Grazie.

  2. Qualcuno mi spiega il nesso tra l’affermazione che il Napoletano non è un dialetto e l’etimologia del… rattuso?

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.