Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Napoli, l’archivio bancario più imponente del mondo

Posted by on Gen 4, 2018

Napoli, l’archivio bancario più imponente del mondo
Napoli, Archivio Storico del Banco di Napoli

Il capoluogo partenopeo vanta un grande primato che riporta indietro nei secoli

Sono 330 stanze nel cuore del centro storico di Napoli e contengono antichi faldoni, file e file a perdita d’occhio. Ecco come si presenta l’Archivio Storico del Banco di Napoli, che vanta il primato di essere il più imponente archivio bancario del mondo. Bastano pochi numeri per confermarlo: 14 mila metri quadri, 80 chilometri di carte, 17 milioni di nomi, 450 anni di storia e storie. Ha trovato sede nel cinquecentesco Palazzo Ricca, dove giace la memoria degli antichi banchi pubblici di Napoli dal 1539. Si deve al museo I IlCartastorie se ancora si possono ammirare le meraviglie del meridione d’Italia raccontate grazie ad un percorso multimediale permanente. La plurisecolare documentazione riguardante l’attività degli antichi banchi pubblici della città conta documenti originali rarissimi risalenti alla seconda metà del ’500.

Le fedi di credito, antenate dei moderni assegni circolari, i grandi libri maggiori, puntuali registri dei movimenti effettuati sui diversi conti, e gli elenchi dei clienti dei banchi, offrono un affresco non solo economico della Napoli antica ma anche un impressionante panorama temporale della città. Ci si immerge nella storia grazie ad un’immagine in costante evoluzione, che fornisce al visitatore l’idea esatta di quello che succedeva nel corso dei secoli, dal Viceregno spagnolo fino alle più recenti vicende. Ciò che rende assolutamente unica questa sconfinata documentazione economica risiede nella chiarezza e nella completezza di quelle che oggi si chiamerebbero  causali di pagamento: annotate sulle fedi di credito, avevano il compito di specificare dettagliatamente il motivo dell’avvenuto pagamento. Ecco come notizie inedite di opere realizzate da illustri artisti, insoliti aspetti dell’economia quotidiana e centinaia di migliaia di storie personali, celebri o ignote, sono giunti fino ai giorni nostri.

Il 30 marzo 2016 è stato inaugurato il percorso multimediale permanente, autentico cuore del Museo dell’Archivio Storico. Si tratta di un’esperienza sensoriale, fatta di immagini e suoni, che svela le presenze e le voci conservate nell’Archivio. La Fondazione Banco di Napoli, con la sua vocazione sociale e filantropica, ha anche il compito della gestione e della valorizzazione del suo Archivio Storico. Il patrimonio informativo dell’archivio è una ricchezza storica e culturale unica che consente una valorizzazione profonda degli svariati tesori presenti a Napoli e, grazie alla qualità e alla quantità dei suoi documenti, ne consente una divulgazione originale.

fonte

turismo.it

b27fbd33b4

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: