Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

NEL NAPOLETANO SPESSO LA “B” DIVENTA “V”

Posted by on Ago 8, 2020

NEL NAPOLETANO SPESSO LA “B” DIVENTA “V”

Nel Napoletano, e non solo, spesso la B dell’Italiano diventa V e viceversa: si potrebbe dire che, in un certo senso, si alternano; nel Catalano, la V, addirittura, si legge B. Come mai?

In una vasta area centro meridionale che va dai dintorni meridionali di Roma fino al nord della Calabria, e dall’Abruzzo fino alla Puglia le parole latine che iniziavano con b- mostrano una quasi generale tendenza a indebolire tale consonante in v-.

    Scelgo gli esempi dal napoletano: BUCCA > vocca, BIBERE > vévere, BASIUM > vaso, BARCA > varca, eccetera.

    Lo stesso accade a volte, come già visto in vévere, anche per le -b- latine intervocaliche. In altri casi però, lo sviluppo di -b- intervocalica ha dato invece una doppia bb: è il caso di diébbete, nobbile, sabbato, eccetera.     In nessun caso la b latina si è conservata immutata in quest’area.

    In conseguenza di tutto ciò, nel napoletano odierno, come in tantissimi altri dialetti campani e meridionali, non abbiamo mai b, ma solo o una v breve o una bb doppia.

    In particolare questa alternanza v/bb si osserva in maniera molto evidente a inizio di parola quando agisce il raddoppiamento sintattico. Se la v- iniziale di vévere è preceduta dalla preposizione a o pe’ o dalla negazione nu, la v- iniziale si raddoppia e si trasforma in bb-: a bbévere, pe bbévere, nu bbévere, ecc. (benché oggi si senta a volte anche a vvévere, pe vvévere, nu vvévere).

    Questa alternanza tra v- e bb– si è prodotta in maniera identica anche in quelle parole che in latino già avevano v-, come VELLE > vulé, VOLTA > vota. Abbiamo infatti tu vuò, ma che bbuò; na vota, ma tre bbote, e così via.

    Questa completa assenza di una b breve nei nostri dialetti comporta anche che nell’italiano delle regioni sopra citate la pronuncia corrente di parole come sabato, Fabio, subito, abile, ecc. sia sabbato, Fabbio, subbito, abbile, a causa dell’abitudine dialettale trasmessa in eredità anche all’italiano regionale.

Pietro Maturi 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.