Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

‘O TAVERNARO: di Ferdinando Russo

Posted by on Dic 6, 2020

‘O TAVERNARO: di Ferdinando Russo

Primma e nu fatto, ’a gente se spassava!
Ognuno maniava ’a pezza sana,
n’ abbarava ’a muneta, e se lucrava ;

ma mò.. te care ’o ppane e ccaso ’a mano)
Primma veneva ’a gente e s’assettava,
allecramente, comm’ a ccrestiane!
Mo’ si attocca, te truffa e nun te pava !
Mo’ vide ’a lira sott’ a na campana!
Può tira nnanza ? Se po’ fa ’o mestiere ?
Si nun tiene nu muorzo ’e grazzia ’e Ddio,
santanotte ! T’ atterrano ’e penziere !
Po’ mpacchie ’o vino, arruobbe ncopp’ ’o ppane,
e quann’ è doppo… ’o ssaccio di’ pur’ io
ca ’e mariuole so’ ’e napulitane !…

TRADUZIONE IN ITALIANO

Prima del fatto , la gente si spassava,
ognuno aveva i soldi, e non badava ad essi
perchè si guadagnava.
Prima la gente veniva si sedeva, allegramente
da brave persone.
Ora se capita, ti vuole truffare e non ti paga.
Ora la lira la vedi da lontano .
Puoi tirare avanti? Puoi fare piu’ questo mestiere?
Ora se non hai un gruzzoletto da parte, santanotte!
fai misture con vino, rubi sul pane, poi
anche io saprei dire che i ladri sono napoletani!

fonte

https://pulcinella291.forumfree.it/?t=76140858

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.