Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

POESIA DI UN EMIGRANTE CALABRESE … ( e relativa invettiva a quest’Italia unita e matrigna )

Posted by on Gen 12, 2020

POESIA DI UN EMIGRANTE CALABRESE … ( e relativa invettiva a quest’Italia unita e matrigna )

“Disperatu era a lu pajsi
maritatu cu cincu criaturi
lavoravu trenta jorna a lu misi
di misteri facia lu zappaturi.


Pe’ mia no c’era mai festa
e patutu aju puri la fami
notti e jornu mi raspavu la testa
ce pe li figghj nun avia lu pani.
Ajutu aju cercatu a lu Cummuni
ma datu no mi hannu manco speranza
ntantu vacabundi, liccapedi e mangiuni
nsemi a lu sindacu s’inchjavanu la panza.
Cuvernu tedescu benedittu
a migghjara accoghisti li migrati
a tutti ci dasti ogni dirittu
e nui pe chistu ti simm grati.
Lu distaccu di l’Italia fu assai duru
partimmu chjni di tristizza
a la Germania trovammu lavuru
e presto arrivau la cuntentizza.
Cuvernu talianu cosa tinta
di leggi tu inchj la Gazzetta
ma chistu tu lo fai sulu pe’ finta
ca si lu primu chi no li rispetta.
A la Germania mi facisti migrari
lu trenu piggjavi sulu sulu
e mo ch truvai bonustari
cuvernu talianu, vaffanculu ! “

segnalata da

Patrizia Stabile


Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.