Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALFIO BORGHESE “LA CULTURA IN PROVINCIA”

Posted by on Gen 29, 2020

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALFIO BORGHESE “LA CULTURA IN PROVINCIA”

Caro Alfio sono qui a Roma, in via Margutta, alla presentazione del tuo libro, ti ascolto con attenzione mentre parli, supportato dagli interventi del tuo co-moderatore Tina Zurlo, titolare della galleria che ospita l’evento; improvvisamente ed inaspettatamente mi coinvolgi chiamandomi a parlare; sbiascico quattro parole, mi sembra di non dire nulla, comunque qualcosa riescono a vibrare le mie corde vocali ma certamente non quello che avrei voluto e potuto dire: esprimere meglio il mio grande compiacimento per l’enorme lavoro che hai svolto e per il ruolo che hai interpretato in questi anni a Frosinone; un lavoro ingrato e difficile; un lavoro eroico il tuo, quello di Operatore Culturale.

Se vogliamo paragonarlo a qualcosa potremmo trovare delle similitudini con quello svolto dagli insegnanti quando tentano di svegliare con fatica i torpori intellettuali di giovani anime sempre meno reattive e appiattite da modelli stereotipati; oppure a quello del vasaio che si trova a lavorare un materiale da modellare poco duttile e plastico; forse a quello di un contadino, sulla cui terra arida ed improduttiva, è chiamato ad esercitare sforzi ancora più estenuanti.

Caro Alfio, il tuo impegno – che qui si materializza con la stampa di una voluminosa pubblicazione – è stato ed è un lavoro che non tutti possono compiere, specie se svolto in una terra vituperata e troppo spesso offesa, in un contesto economico e geografico estremamente sofferente che è quello di provincia. Una periferia particolarmente sorda agli stimoli culturali, ancor più in un contesto storico, quello attuale, eticamente critico ove l’avere sembra trionfare sull’essere.

In questo libro di 440 pagine, hai citato più di 2600 tra eventi e personaggi dietro ai quali hai svolto un mirabile lavoro sotterraneo non visibile, enorme ed inimmaginabile e con esso hai potuto affermare in maniera definitiva la tua nobile testimonianza. Non a caso sei stato scelto dall’Amministrazione comunale di Frosinone per dirigere un importante contenitore di eventi culturali e portare a compimento una intensa opera che ha coagulato e continua ad unire attorno a te l’umanità che riesce ad esprime ancora un messaggio. Hai finalizzato la tua fatica all’elevazione dei bisogni spirituali di questo territorio ai margini di una Roma capitale che assorbe e fagocita tutto. Tu, di antica famiglia romana, in questa terra ti sei trasferito e qui hai saputo vedere ciò che altri del territorio non hanno saputo trovare. Hai saputo scoprire ed orchestrare – dando voce a tutti, modulando ognuno con il giusto timbro vocale – le risorse nascoste che non conoscevi e che in larga parte neanche noi, del basso Lazio e dell’Alta terra di Lavoro, conoscevamo. Hai scoperto le potenzialità nascoste di un territorio dando dignità alle aspirazioni più nobili di uomini e donne che vogliono dar voce ai loro inascoltati aneliti. Fatiche che proseguono ciò che in passato a Frosinone nei primi anni ‘60 del Novecento altre persone come Michele ROSA, da tempo spinto nell’oblio, avevano coraggiosamente messo in atto con l’istituzione della galleria d’arte “La Saletta”. Voglio sperare siate solamente la prima fila di una schiera che svegli il dibattito culturale e accenda la produzione artistica locale mediante un confronto con artisti ed intellettuali di livello nazionale ed extra nazionale.

Roma, 28 gennaio 2020   

a Roma presso la galleria Area Contesa Arte in Via Margutta il 24 gennaio u.s.                                                                             

                                                                                                                     

di Errico ROSA

(architetto e docente di Storia dell’arte)

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.