Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“Quanno nascette Ninno” si impadronisce di Angela Pellicciari

Posted by on Dic 25, 2020

“Quanno nascette Ninno” si impadronisce di Angela Pellicciari

Se c’è un canto natalizio che incontestabilmente unisce tutti ed è considerato il più importante e il più emozionante questo è certamente “Quanno nascette Ninno”, un dono che ci ha inviato nostro Signore attraverso Sant’Alfonso Maria de Liguori.

Un canto di ispirazione profetica che il Santo di Marianella musicò ispirato dallo Spirito Santo che offrì alle genti umili e che per noi napolitani e per i napoletani è diventato così abituale e così parte integrante del nostro patrimonio genetico che spesso non cogliamo a fondo la sua grande spiritualità

I Napoletani per abitudine non parlano mai di quello che creano, mai se lo vendono e mai se ne vantano non per una forma di superbia o perché pensano di essere superiori ma perché fa parte della loro essenza formatasi in quasi tremila anni di storia e dalla loro aristocraticità, quella napolitana che è frutto della fusione delle civiltà magno greca, latina e cattolica che la rende unica; anche per Quanno nascette Ninno non si preoccupano di spiegarlo o motivarlo ma si limitano solo a donarlo.

Il resto del mondo lo ha preso e adottato senza capire a fondo la sua intensità e la grandezza del messaggio sacro che esprime, tutti tranne Angela Pellicciari che nonostante non è napoletana, quindi non figlia della suddetta essenza e civiltà, è riuscita ad assorbire la spiritualità del messaggio e a penetrare nella lingua napoletana, anche se erroneamente la considera dialetto, comprendendo che in altra non sarebbe nulla.

La Pellicciari con entusiasmo ed intensità spiega parola per parola il canto e per cercare di trasmettere le sue sensazioni più intime si impegna a parlare in napoletano che grazie all’intensità che ci mette non appare buffa e riesce nel suo intento.

Se nessuno ha cantato “Quanno nascette Ninno” meglio di Giovanni Mauriello con gli NCCP posso affermare, certo di non essere smentito, che nessuno ha spiegato a parole la grandezza spirituale del sublime canto come Angela Pellicciari, di seguito l’audio della lezione.     

Claudio Saltarelli

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.