Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

STITICHEZZA:poesia

Posted by on Giu 22, 2022

STITICHEZZA:poesia

Tengo tanta malatie
che nun saccio cchiu’ cuntà
pero’ roba e fessarie
che se ponno suppurtà.


Mo’ da quattro o cinque mesi
sto suffrenno e stitichezza
primma, invece, senza offesa,
jeve ‘e cuorpo ‘na bellezza.
E mi mangio la verdura,
e mi piglio ‘o levolac
stongo sempe sotto cura
e nun pozzo fare cacca!
Ore intere ‘ncopp’o cesso
cu ‘a speranza d’o fa asci’
ma stu strunzo me fa fesso
e me fa sulo suffri’!
E po’ dicono che è strunzo,
e si era un deritto?
Ma chi è muorto e me l’ha scritto
che m’aveva fa suffri’?
Io mo’ aspetto che pur’sso
tene nu poco e cuscienza
‘o sapimme ca che ‘e strunze
ja tene’ o poco e pacienza

fonte

STITICHEZZA:poesia – LE POESIE DEGLI ALTRI (forumfree.it)

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.