Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

UN PO DI FERDINANDO RUSSO

Posted by on Set 9, 2020

UN PO DI FERDINANDO RUSSO

SUONNO…

Na varca. P’ ’o viento, vulanno,
luntano se porta ll’Ammore
ca tanto m’ha fatto suffrì…


‘O chiammo, suspiro, m’ affanno,
e tale è la pena ‘e stu core
ca ‘nsuonno me pare ‘e muri!

Na stella. Da ’e ragge lucente
na luce se parte e m’ arriva
e nfronte me vene a vasà…

Io penso a li ttrezze ndurate,
a tutte li ccose passate,
e ’a pena me fa smanià!

Nu sciore. Da miezo ’o ciardino
stu sciore s’arape e se nchiude
e pare na vocca e nun è ;

e dice nu nomme, e me chiamma,
e mpietto io me sento na sciamma,
e corre ’o penziero addu te !!

A PERTUSARA

era un’artigiana specializzata nella confezione di occhielli e Ferdinando Russo gli dedico’ questa poesia:

Oi pertusara mia, oi pertusara,
che pertuso m’e fatto ‘int’a stu core!
Stevo cuntento,e tengo ‘a vocca amara,
stevo felice,e moro p’ ‘o delore!
Pertusarella mia,pertusarella,
quant’è micirianta ‘sta manella!
E ‘o puntaruolo quant’è malamente!
spertosa troppe core a troppa gente!
Tu si’ cchiù d’isso malamente assai,
pecché m’è spertusato e nun ‘o ssai!
Che nce guaragne a essere pungente?
Pertusarè,nun t’aggio fatto niente!

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.