Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

UN PO DI POESIA CON ROCCO GALDIERI

Posted by on Feb 24, 2021

UN PO DI POESIA CON ROCCO GALDIERI

A veglia
– Amico, ‘o ssaie ch’è ottobre? È giovedì,
fatte ‘na passiata p’ ‘a campagna.
Mo’ ce stongh’io; tiene chi t’accumpagna…
Iesce… Risciata… Nun t’appucundrì.


Guarda che sole! Autunno, è comme fosse
‘na primmavera. ‘E ffronne so’ lucente.
E ‘ncopp’ a chella loggia – tiene mente –
‘e ffronne verde se so’ fatte rosse.
Iesce… cammina… Va.
Mo’ nun se suda comme ‘o core ‘e ‘stà.
‘Nce steva ‘o ppoco ‘e viento e s’è calmato…
Iammo. ‘Nchiuso ccà dinto, amico mio,
te pierde ‘o meglio. E comme si’ ustinato…
Me faie sentì currivo…
Pare…
– ‘Nu muorto?
– No! Pare ‘nu vivo
ca fa veglia a ‘nu muorto…
– Ca songh’ io!

NIENTE

Aggiu penzato i’ mò: cca che ‘nce faccio?
Sbareo… nun tengo ggenio ‘e faticà…
Mme piglio ‘na figliola sott’ ‘o vraccio
e mm’ ‘a porto a Pusilleco a cenà.
E ‘sta figliola… ca mme tene mente,
me spia: Che pienze? E i’ le rispongo:
Niente!
M’aggio cacciato pure ‘o passapuorto…
Che ‘nce aspetto? Che torna? E pe’ fa che?
Quann’ ‘i’ le dico ch’essa ha avuto tuorto;
c’ ‘a cosa nun è prevenuta ‘a me…
Quanno turnammo tutto amor cunzente,
che s’è cunchiuso?… Che s’è fatto?
Niente!
Amice belle mieie, stateve bbene.
Napule, statte bona pure tu!…
Si manco cchiù ‘na mamma me trattene,
‘o cielo bello nun m’abbasta cchiù!
Tuleto è accussì bello chino ‘e ggente…
Ma i’ che cunchiudo che cumbino?…
Niente!

Astinenza
‘O miedeco m’ha ditto, stralunato,
comm’ha luvata ‘a recchia ‘a copp’ ‘o core:
– «Nun mangià, nun fumà, nun fa’ cchiù ‘ammore…
Tu staie malato!»
– Duttò? Malato?!
Quanno dicite ca so’ trapassato?

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.