Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

1860: quando in Sicilia i generali dei Savoia arrestavano i genitori di chi rifiutava la leva militare

Posted by on Ott 30, 2020

1860: quando in Sicilia i generali dei Savoia arrestavano i genitori di chi rifiutava la leva militare

I ragazzi siciliani, all’indomani della ‘presunta’ unificazione italiana, dovevano regalare sette anni della loro vita per svolgere il servizio militare nelle milizie degli invasori piemontesi. I più si davano alla macchia. I generali dei Savoia, per catturarli, non esitavano a tagliare l’acqua per settimane ad interi Paesi della Sicilia e ad arrestare i genitori dei “contumaci” 

“Il proclama e la condotta del militare di Licata furono imitati a Trapani, Girgenti, Sciacca, Favara, Bagheria, Calatafimi, Marsala, ove fu distrutto anche il raccolto del vino, e in altri comuni”.

E l’acqua mancò per un’intera settimana!

Sempre D’Ondes Reggio, nella tornata del 7 dicembre 1863, “dà lettura dell’ordinanza d’un altro comandante piemontese che dispone l’arresto di tutti coloro da’ cui volti si sospetti d’essere coscritti di leva, e anche l’arresto dei genitori e dei maestri d’arte dei contumaci”.

“Questo avveniva a Palermo: i cittadini ricorsero al Prefetto che rispose nulla sapere e nulla potere! In una città di 230 mila anime, il capo del governo nulla sa, nulla può!”

“Questa lunga Iliade finiva con due catastrofi: la prima fu quella di Petralia: una capanna fu circondata dalla truppa, non per trovare un coscritto, ma per chiedere informazioni; gli abitanti erano tre, padre, figlio e figlia, e questi tre furono bruciati vivi per non aver voluto aprire!”.

Michele Antonino Crociata, Sicilia nella storia, Tomo II, pag. 112.

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.