Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“Cesare Lombroso, la nascita della inferiorità di razza” ne parliamo con Domenico Iannantuoni

Posted by on Feb 10, 2022

“Cesare Lombroso, la nascita della inferiorità di razza” ne parliamo con Domenico Iannantuoni

Molto spesso, ultimamente molto spesso ed è buon segno, mi chiedono perchè divulgo la storia identitaria napolitana andando ovunque e con molta forza e passione fino a farla diventare una missione ed onestamente non riesco ancora a capire perchè. I motivi saranno tanti ed elencarli mi è difficile se non impossibile, ma uno posso certamente dirlo ed è che cerco di togliere il mantello lombrosiano sulle spalle dei nostri giovani che vanno in giro per il mondo fino a farli sentire figli di un Dio minore e che spesso sfocia nella sindrome di Kunta Kinte. Quando poi comprendono, che camminano sulle spalle di un gigante dal nome “civiltà napolitana”, le loro certezze si ribaltano completamente e si impregnano di una tranquillità e di una serenità che li rende autorevoli fino quasi ad arrivare alla superbia tipica di chi si sente superiore. Si è scritto molto e parlato delle teorie lombrosiane e su Cesare Lombroso, venerdi 11 febbraio 2022 alle 21 ne parliamo con l’Ing. Domenico Iannantuoni che conosce a mena dito l’argomento fino a fondare il “comitato no lombroso”. posizionandosi così nel quartier generale dell’esercito insorgente napolitano. Raimondo Rotondi come sempre ha curato locandina e sigla ma questa volta ci fa un regalo che vedrete alla fine della chiacchierata.

1 Comment

  1. Meno male che sembra imboccare la strada giusta l’eliminazione del museo Lombroso… la chiacchierata finale di Raimondo Rotondi ci fa ben sperare… E’ pazzesco che esista ancora l’obbrobrio del quel “museo”, che oltre ad essere frutto di stupidita’ fatta passare per scienza, disonora chi l’ha immaginato e tutti noi che con le nostre tasse continuiamo a tenerlo in vita… A quei poveri crani di persone vittime della violenza di chi si riteneva superiore diamogli decorosa sepoltura, e inventiamo qualcosa per farci perdonare di aver foraggiato per tanto tempo l’esistenza obbrobriosa di quel museo… Fiori freschi per quei poveri morti!… teneteci informati delle iniziative che si andranno a prendere… caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.