Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Da Amatrice a Tramonti a spasso per il Regno tra saltarelli e tammurriate

Posted by on Apr 25, 2022

Da Amatrice a Tramonti a spasso per il Regno tra saltarelli e tammurriate

Nella storia recente dell’umanità capita spesso che un personaggio per la sua importanza la volontà popolare lo identifica citandolo o chiamandolo soltanto con il nome di battesimo e il primo nome che mi viene in mente è quello di Eduardo che il mondo conosceva senza citare il cognome. Una persona che grazie al suo modo di essere è di esternare la sua arte ha il privilegio di avere la suddetta caratteristica del grande Eduardo, con le dovute e sacrosante proporzioni, è Isidoro Caso che tutti conoscono ormai con il semplice nome di Isidoro. Ovviamente non sono un folle o blasfemo a fare un paragone simile ma Isidoro è diventato nel suo piccolo grande mondo della musica popolare, “Isidoro”, è grazie al suo carisma lo è diventato anche per tutto il “Regno” infatti basta frequentare tutti gli ambienti e nominando “Isidoro” in molti comprendono di chi si parla. Isidoro è stato capace di trasformare la sua cantina, dal sapore antico, in un vero laboratorio culturare non solo del “Regno” ma di tutto il mediterraneo dove fa incontrare entità della nazione napolitana che tra loro non si interscambiano solo arte musicale ma anche il proprio patrimonio genetico. Anche se per “Isidoro” la cosa è più semplice perchè è figlio della sua “Tramonti”, dei suo Monti, “I Lattari”, della sua costa, quella “Amalfitana”, del suo “Regno” quello Napoletano e della sua Madonna quella dell’Avvocata, caratteristiche che tutte insieme gli danno una dimensione universale, lui si affida anche al suo innato carisma che gli permette di stare a testa alta di fronte a chiunque senza differenze entniche o di ceti sociali e questo suo modo di essere, insieme alla suddetta identità, gli hanno permesso di accogliere venerdi 8 aprile 2022 musicanti, cantori, uomini che venivano dal nord del “Regno” dalla grande “Amatrice” facendo “copulare”, capirete a breve che il mio termine non è provocatorio, il saltarello e la tammuriata due balli popolari che il più grande mecenate della musica popolare, Ferdinando IV di Borbone, ha voluto far suonare al suo funerale. Di seguito un documentario integrale di quella magica serata che anche se ha i suoi limiti tecnici figli dello strumento utilizzato e dai limiti di chi lo ha girato, fa capire bene l’aria che s’è respirata in quel raduno.

1 Comment

  1. Fantastico il luogo… e la partecipazione con una frenesia crescente di musica e balli, giochi di movimento ritmati e coinvolgenti… Che bella idea tenere in vita tradizioni e luoghi con tanto entusiasmo!…e’ contagioso e mette tutti di buon umore! Vivissimi complimenti a tutti, musici, ballerini, e a chi ha avuto la brillante idea di recuperare un ambiente cosi’ suggestivo!..caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.