Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

GIUSEPPE D’ANDREA E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE

Posted by on Nov 4, 2023

GIUSEPPE D’ANDREA E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE

All’inizio del terzo millennio iniziò un’attenzione collettiva sul recupero della campagna identitaria e dei prodotti agro-alimentari autoctoni di ogni territorio della penisola italica che certamente è stata uno delle tante mode nate per scopi economici ben precisi, ma utile per il recupero di ricchezze che sarebbero andate perdute dando un impulso alle attività imprenditoriali agricole che sono nate in quel periodo. Catturato, anche io, da questa voglia di riscoprire prodotti e sapori che mi ricordavano l’infanzia, attraverso il web cominciai a scavare nell’immenso panorama dei prodotti  agro-alimentari della Terra di Lavoro fino a quando arrivò il momento di ritrovare il famoso maialino nero casertano  “chigl co gli scioccagli” e scoprire l’azienda agricola di Giuseppe D’Andrea sita a Caianello ai confini con Teano. Dopo un primo contatto telefonico arrivai in azienda e trovai allevamenti di bestiame rigorosamente autoctoni a vista d’uomo nel massimo della trasparenza collegati direttamente alla macelleria, proprio come si faceva una volta, e con la presenza di una fattoria didattica adibita per accogliere le scolaresche del territorio. Giuseppe mi appare con tutta la sua imponenza e salutandomi con un sorriso intenso, mi presenta alla sua gentile consorte, Stefania, per poi accompagnarmi con orgoglio a visitare la sua azienda, facendomi vedere come l’aveva organizzata e come vivevano gli animali nelle sue stalle nel pieno rispetto delle norme vigenti che regolamentano gli allevamenti non industriali. Mi fa vedere le sue produzioni agricole che grazie alla ricchezza del nostro territorio sono presenti in tutte le stagioni, se i Romani la chiamavano Campania Felix forse un motivo c’è, e dopo aver assaggiato la succolenta carne del maialino casertano nasce un legame che andava al di la semplice rapporto tra contadino e consumatore. Un’azienda a conduzione familiare nel pieno rispetto della tradizione dove tutti, dagli anziani genitori fino alle sue quattro figlie, hanno un ruolo per mandare avanti l’attività che come ben sappiamo ti da grande soddisfazioni ma sempre al costo di grandi fatiche nonostante oggi si usano attrezzi agricoli e non più le sole braccia. Mi ha fatto riscoprire “le sausicce di maialino nero sott ’a nsogna”, “’a vetresca”, ma altresì formaggi stagionati, prosciutti sempre del suino “con gli scioccagli” e la bontà del culatello che “po i annanz ‘ O RRE”. Per anni ho acquistato le “butteglie re pummarole” e quando decise di non produrle più per gli altri per non farmi rimanere senza, quell’anno mi fece una grande cortesia dandomi un numero consistente della sua produzione familiare. Grande onore mi diede quando invitò mia moglie Cinzia e il sottoscritto alla festa dei suoi 50 anni in una bellissima sera d’estate insieme alla sua famiglia e ai suoi amici più cari, come quando organizzammo una cena a tema al Ristorante Pepenero di Pino Persechino presentando il Maialino Nero Casertano e, in perfetto stile aristocratico tipico dei contadini del Regno Napoletano, fece una disquisizione tecnica con tale competenza e passione che alla fine chi pensava  di scansare il prezioso “grasso” del suino laborino lo ha mangiato con gusto e piacere rimanendone folgorato. Ogni anno ha sempre omaggiato, con la sua presenza e con la sua azienda, il Premio Terra Laboris donando suoi prodotti ai vincitori contribuendo a dare lustro e nobiltà alla manifestazione. Purtroppo come alcune volte accade in questa nostra vita terrena, il circolo virtuoso della nostra esistenza si può interrompere come è accaduto a Giuseppe che aggredito dalla “brutta bestia” dopo pochi mesi di sofferenza  e lotta ci ha lasciato per tornare alla casa di Nostro Signore che per un disegno a noi misterioso ha deciso di volerlo a se anzitempo. Giuseppe in questi drammatici mesi non ha mai perso la sua vitalità, la sua forza leonina affrontando la “brutta bestia” con grande forza e a testa alta. Giuseppe per come ha vissuto e per come ci ha lasciato è ancora qui in mezzo a noi e non andrà mai via, ci ha lasciato una eredità pesante tipica di uomini che hanno vissuto nell’onestà, nella lealtà, nel rispetto del prossimo, della vita e di Dio ma soprattutto ci ha donato cinque perle, cinque donne meravigliose Stefania la sua gentile donna, e le sue quattro figlie  Cecilia, Daniela, Marianna e Giulia. Per quanto mi riguarda Giuseppe lo immagino vicino a Sant’Antuono che insieme ai loro maialini vanno a spasso per i giardini fioriti del Paradiso e con umiltà gli chiedo di non abbandonarci e di pregare per noi comuni mortali perchè ne abbiamo tutti bisogno soprattutto in questo epoca molto tormentata, ti abbraccio Giuseppe e grazie per tutto  

Claudio Saltarelli

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.