Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

I fatti di Bronte, Leonardo Sciascia: uno scheletro nell’armadio di cui non si doveva parlare

Posted by on Gen 6, 2021

I fatti di Bronte, Leonardo Sciascia: uno scheletro nell’armadio di cui non si doveva parlare

Il grande scrittore siciliano era un profondo conoscitore della storia della nostra Isola. La sua riflessione sulla strage perpetrata dai garibaldini a Bronte

Sui fatti di Bronte dell’estate 1860, sul­la verità dei fatti, gravò la testimo­nianza del­la letteratura garibal­dina e il com­pli­ce silenzio di una storio­gra­fia che s’av­vol­ge­va nel mito di Gari­bal­di, dei Mille, del popolo sici­liano libera­to: fin­ché uno stu­dioso di Bronte, il profes­sor Bene­detto Radice, non pub­blicò nel­l’Ar­chivio Stori­co per la Sicilia Orien­tale (anno VII, fasci­co­lo I, 1910) una mo­no­grafia inti­tolata Nino Bixio a Bron­te; e già, a dar ragione delle cause remote della rivolta, aveva pub­blicato (1906, Archivio Sto­rico Siciliano) il saggio Bron­te nella rivolu­zione del 1820.
E non è che non si sapesse della ingiustizia e della ferocia che contrassegnaro­no la repressione: ma era come una specie di «scheletro   nel­l’armadio»; tutti sape­vano che c’era, solo che non biso­gnava par­larne: per pru­den­za, per deli­catezza, perché i panni spor­chi, non che lavar­si in famiglia, non si lavano addirit­tura.

Leonardo SciasciaNino Bixio a Bronte, 1963

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.