Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“LA VANDEA ITALIANA” NE PARLIAMO CON MASSIMO VIGLIONE

Posted by on Feb 3, 2022

“LA VANDEA ITALIANA” NE PARLIAMO CON MASSIMO VIGLIONE

Basta leggere il numero di saggi, studi e ricerche di (Massimo Viglione – massimoviglione.net) per capire chi è Massimo Viglione. In pochi in Italia hanno studiato e trattato come lui le insorgenze italiane e la controrivoluzione dal 1796 al 1815 e non è un caso che un titolo di un suo lavoro porta il nome di “Vandea Italiana”. Il Prof. Viglione non ha bisogno di ulteriori presentazioni e lo ringraziamo per l’intervista che ci concederà venerdi 4 febbraio 2021 alle ore 21 e per farlo basta cliccare il link di seguito

2 Comments

  1. Dopo aver sentito l’interessantissimo excursus storico nel dialogo fra voi cultori di storia presenti nel video, e letto pure il puntuale commento del Prof.Castrese Schiano, mi chiedo come potremmo mai oggi noi uscire dal pantano melmoso in cui ci troviamo a vivere, che, pur avendo radici e motivazioni diverse, sembra riportarci in identiche condizioni di caos totale aggravate dall’ansia e dall’incertezza psicologica, culturale e ambientale… e sembra volatilizzarsi ogni ancora mentre si fa sempre piu’ diafana la fiducia in chi regge governi e in chi propina ancore di salvezza, imponendoci vaccini artefatti e regole di comportamento… Ciascuno riflette… sono passati due/tre secoli dai fatti oggetto della vostra dotta conversazione sulle lotte di potere…. e noi, senz’armi, di nessun tipo, percepiamo intimamente che non sono situazioni nuove… l’incertezza anche oggi e’ sovrana, e noi vittime forse di enormi interessi contrastanti. caterina ossi

  2. “La Vandea italiana” – Intervista col professor Massimo Viglione

    Mai lezione di storia, tenuta in maniera così informale, riuscì a dimostrare meglio l’inesistenza di fratture tra passato e presente. E ciò dovrebbe far ricredere tutti coloro che si meravigliano che ancora oggi si continui a parlare di avvenimenti accaduti da oltre due secoli, come la Rivoluzione francese del 1789; l’insorgenza della Vandea del 1793; la Repubblica Napoletana e l’insorgenza del popolo del 1799; il Risorgimento e la ribellione dell’intera popolazione del Mezzogiorno tramandata poi come “brigantaggio” dal 1860 per oltre un decennio; ecc. Ma, se, con la raccomandazione di non perdere di vista quanto verificatosi in quei “lontani” periodi della storia, si guarda a quello che sta accadendo oggi, non sarà difficile, non dico, trovare delle similitudini, ma addirittura delle uguaglianze, tanto che momenti, ritenuti così lontani e così ininfluenti reciprocamente, possono ad-dirittura sovrapporsi.
    Cosa proponevano, infatti, i sedicenti “liberatori” del 1789, 1799, 1860? “Libertà, Uguaglianza e Fraternità”. Solo che la libertà era quella imposta da loro, come la sostituzione dell’albero della li-bertà alla croce; l’eliminazione della religione; l’introduzione di un nuovo calendario; una tessera per distinguere gli “allineati” dai “non allineati”. L’uguaglianza sarebbe stata raggiunta quando anche i dissenzienti sarebbero stati costretti ad uniformarsi ai limiti imposti a tutta la società; e ciò avrebbe reso tutti “fratelli” nella sventura.
    Cosa avviene oggi? Che dopo un’intera esistenza spesa onestamente per maturare il diritto ad una pensione, se non si è in possesso di uno speciale documento rilasciato a chi, obtorto collo, ha dovuto allinearsi,non si può accedere in banca per prelevare i propri soldi. L’obbligo del pagamento elettronico poi, permette a qualunque creditore – tramite istituti a ciò preposti – di accedere ai miei risparmi anche per crediti inesistenti (sarò io a dover dimostrare di non avere alcun debito nei ri-guardi del sedicente creditore); consente a chi è interessato di sapere tutto di me: quanto spendo per il cibo, per le medicine, per lo svago, ed avere, quindi, ulteriori elementi per aggiustare il tiro e mo-dificare – se ce ne fosse bisogno – il pensiero unico globale nel quale sta irreggimentando l’intera società. Dell’attacco alla religione, alla cultura ed alle tradizioni, inutile parlarne. Si è arrivati al punto di togliere il crocifisso dalle pareti dei luoghi pubblici; di eliminare il presepe;di non poter più scambiarsi gli auguri di Buon Natale o di Buona Pasqua. Ultimamente sono circolate delle proposte di non inserire nemmeno più il sesso sui documenti di riconoscimento, in attesa che l’interessat/ di-venut/ adult/ decida dove collocarsi. Non si possono neanche più connotare gli aggettivi, per evitare il sessismo, per cui – se non già in atto – fra poco si dovrà intervenire anche sui vocabolari.
    Il costante ricorso alla disinformazione e l’arma del terrore psicologico artatamente cavalcati da chi detiene il potere – due degli elementi sovrapponibili con quelli del passato – stanno elimi-nando anche i rapporti interpersonali all’interno degli stessi nuclei familiari, allontanando sempre di più gli uni dagli altri e rendendoli più deboli, più insicuri, più vulnerabili.

    Castrese Lucio Schiano – 05 febbraio 2022

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.