Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“Na volepe” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Posted by on Nov 18, 2019

“Na volepe” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Na volepe maddemane

sta fà ‘ncuastì glie cane

gli’abbaiatorie che rentònna

fa sbanì gli’uteme suonne.

 

Se sènte sbuscecà pe glie frattune

se sènte zumpà pe glie metune

è n’appuglie re cane allaccate

ch’useméine a tutt’j late

y chiglie che stanne attaccate

se ‘ncuastiscene pègge re gli’ate

y chiamene ra luntane

ca vulissene rà na mane…

S’arrajene pègge ‘ntramiénte

y s’abbiene cumm’a ne viénte

pe la sélva quasce a sbanì

y può re bòtta a revenì

annanze y arrète currènne

appasemate y sèmpe abbaiènne…

Y la volepe glie ‘mpiccia la vènta

finacché ‘nce capiscene niènte

chi le sa, la possene accire

addò s’annasconne a rire…

Aglie pagliare ne cane viécchie

pure addurmite scotra le récchie

y se fa ‘nsuonne na mèsa rugliata

ca forse se sònna ca l’è chiappata.

Raimondo Rotondi

 

traduzione alla lettera

 

Una volpe

 

Una volpe stamattina/ sta facendo imbestialire i cani/ l’abbaiare che rimbomba/ fa sparire l’ultimo sonno./ Si sente rovistare nei frattoni/ si sente saltare per le scarpate,/ è una riunione di cani ansimanti/ che fiutano da tutti i lati/ e quelli che si trovano legati/ s’imbestialiscono peggio degli altri/ e chiamano da lontano/ che vorrebbero dare una mano…/ Si arrabbiano peggio nel frattempo/ e partono come il vento/ per il bosco quasi a svanire/ e poi di colpo a ritornare/ avanti e indietro correndo/ col fiatone ma sempre abbaiando…/ E la volpe confonde la traccia odorosa/ finché non ci capiscono niente/ chi lo sa, che la possino/ dove si nasconde a ridere…/ Nel pagliaio un cane vecchio/ pure addormentato scuote le orecchie/ e fa in sonno un mezzo borbottio/ perché forse sogna che l’ha presa.

 

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.