Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Il Prof. Nicola Bruni chiede scusa per il falso risorgimento

Posted by on Gen 21, 2020

Il Prof. Nicola Bruni chiede scusa per il falso risorgimento

<<Chiedo perdono a quegli ex alunni ai quali insegnai, in buona fede, una storia del Risorgimento italiano falsificata, censurata, mitizzata e addomesticata  per fini di educazione patriottica, secondo la versione ufficiale: con un falso Re Galantuomo, un falso Cavour, un falso Mazzini, un falso Garibaldi, una falsa Impresa dei Mille … 

Chiedo perdono per aver ignorato, nelle mie lezioni, la persecuzione contro la Chiesa cattolica  attuata prima dai governi massonici del Regno di Sardegna e poi da quelli dello Stato italiano,  con la soppressione degli ordini religiosi dichiarati “inutili”, la confisca dei loro beni e la cacciata dalle loro case (i conventi) di ben 57.492 frati, monaci e monache, dai gesuiti ai francescani, dai benedettini ai domenicani, dalle clarisse alle carmelitane, tra il 1848 e il 1873. Sudditi incolpevoli, gettati sul lastrico, privati anche del lavoro, dei libri, degli arredi sacri, della vita che avevano scelto, spogliati con la calunnia della loro dignità, maltrattati e talora incarcerati, come rievoca Angela Pellicciari nel libro intitolato “L’altro Risorgimento – Una guerra di religione dimenticata”, ed. Ares (Milano 1998), riportato nel n. 34 della Rivista Tradizionalista “L’Alfiere” di maggio 2002.  Chiedo perdono per non aver spiegato ai miei studenti che lo slogan “Libera Chiesa in libero Stato”, attribuito a Cavour, era una menzogna: perché i governi sabaudi non rispettavano per i cattolici (che erano la quasi totalità della popolazione) i diritti di libertà, di proprietà e di inviolabilità del domicilio sanciti dallo Statuto. A mia parziale discolpa, ricordo che sulla storia del Risorgimento ero stato ingannato da tutti i miei insegnanti, fino alla laurea in lettere, e ancora dopo dai libri di testo, dal conformismo di illustri storiografi e dalla propaganda di Stato, ammantata anche di monumenti celebrativi e intitolazioni di scuole e di strade >>

Nicola Bruni  da La Tecnica della Scuola – 25 gennaio 2014

Da “Quando il Nord eravamo noi”

di C. L. Schiano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: