Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“1799: Le tre giornate di Napoli” intervento di Gianandrea de Antonellis

Posted by on Ago 12, 2023

“1799: Le tre giornate di Napoli” intervento di Gianandrea de Antonellis

Continuiamo a pubblicare gli interventi dei relatori dello storico convegno “1799: Le Tre Giornate di Napoli” su cui abbiamo già detto tutto, ed oggi seguendo l’ordine di intervento è la volta della relazione del Prof. Gianandrea de Antonellis che ci ha parlato di inediti su Elonora Fonseca Pimentel che ridimensionano l’alone di virtù che i giacobini napoletani le hanno messo intorno

Read More

La lucida analisi di un difensore obbiettivo. Giuseppe Buttà,scrittore di parte, ma non fazioso (IV)

Posted by on Ago 11, 2023

La lucida analisi di un difensore obbiettivo. Giuseppe Buttà,scrittore di parte, ma non fazioso (IV)

Il solito errore reiterato

Purtroppo, in tanta acutezza di analisi (la precedente critica al diritto unilaterale di sparare da parte dei rivoluzionari è tuttora valida) anche in Buttà non manca il solito errore di una visione distorta del periodo imperiale ispanico (vulgo: vicereale spagnolo). Ecco una “chicca” con cui si apre il primo volume:

Chi si facesse a volger lo sguardo sul Reame di Napoli, quando trovavasi sotto il dominio spagnuolo o tedesco, altrove inorridito lo rivolgerebbe […]

Read More

La lucida analisi di un difensore obbiettivo. Giuseppe Buttà,scrittore di parte, ma non fazioso (II)

Posted by on Ago 9, 2023

La lucida analisi di un difensore obbiettivo. Giuseppe Buttà,scrittore di parte, ma non fazioso (II)

Politica dell’amalgama

Un altro elemento che emerge è quello della “politica dell’amalgama”, ossia dell’unione pacifica tra sudditi fedeli borbonici e Napolitani compromessi con i Napoleonidi, imposta al Regno delle Due Sicilie dal Trattato di Casa Lanza (20 maggio 1815), paradossalmente voluto dagli alleati Austriaci, che aggiunsero suis spontibus le clausole più vessatorie alle già notevoli richieste dei Francesi, ingiungendo il riconoscimento di tutti i titoli nobiliari, gradi militari e carriere pubbliche effettuate durante l’occupazione militare francese.

Read More